• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le Notizie del giorno 11/12/2017

La Notizia

La Notizia

Meglio andare a correre o restare nel letto a dormire? Il Corriere della Sera di domenica riporta i dati di uno studio dell’Università del Michigan sulle popolazioni più dormiglione del mondo (dove vince l'Olanda ndr) e interpella gli esperti su cosa faccia meglio al nostro organismo. “Privarsi del sonno indebolisce le difese e fa ingrassare” spiega Luigi Ferini Strambi, primario del Centro di Medicina del Sonno al San Raffaele di Milano. Mentre per Gianfranco Beltrami, medico dello Sport: “Se si va a letto alle 22 ci si può allenare la mattina presto, ma il sonno è fondamentale”. @ Sempre più giovani in agricoltura. Secondo Coldiretti in tutta Italia sono 53.475 le imprese agricole guidate da under 35, con una crescita del 9,3% nei primi 3 mesi del 2017. Un interesse confermato dalla Banca nazionale delle terre agricole, dove i terreni da coltivare hanno registrato un boom di visualizzazioni da parte di giovani e spinto il Ministero delle Politiche Agricole a lanciare un nuovo bando per la vendita di 8mila ettari. @ Nuovo atto nella guerra all’olio di palma. Spinto dall’Italia, che per prima ha innescato il rifiuto verso questo fattore determinante nella produzione industriale, il fronte “palm-oil free” sta conquistando il resto d’Europa, Francia e Spagna in primis. Ma il risiko mondiale fa tremare le grandi multinazionali del cibo, da Unilever a Nestlè a McDonald’s, che non sono in grado di rinunciare all’olio di palma in tempi brevi e per questo cercano strade alternative. Intanto, anche in Italia i grandi marchi del cibo si schierano pro o contro olio di palma. Mentre per la FerreroE’ meno dannoso per l’ambiente”, per BarillaRinunciare all’olio di palma è una decisione di cautela in attesa che la scienza esprima un verdetto univoco”. (Affari&Finanza) @ E di olio (d'oliva) parla anche Attilio Barbieri, che su Libero di domenica commenta l’insuccesso dell’ultima campagna olearia nazionale ma anche il drastico calo dei prezzi all'origine. “Sul bancone - scrive - l’oro verde 100% italiano si paga dai 7 ai 9 euro al litro. All’origine la quotazione è scesa a 4,20 euro. Un euro in meno rispetto al 2016”. @ Tempi duri in casa Algida. La multinazionale sarà costretta a pagare una sanzione da oltre 60milioni di euro per “abuso di posizione dominante e concorrenza sleale” nei confronti dell’azienda riminese La Bomba. Secondo l’Antitrust: “Unilever con condotte abusive obbligava i clienti a mantenere una sola marca di gelato, pregiudicando la libertà di scelta dei consumatori che - per qualità e gusto - avrebbero potuto preferire altri gelati”. (QN) @ 200mila contatti, 10mila classi, 15mila insegnanti, 940 associazioni di volontari e un’app per geolocalizzare il punto di donazione più vicino. E’ la web community ati-spreco che le Coop lanceranno domani al FiCo di Bologna. L’obiettivo: compiere un salto in avanti nella lotta agli sprechi alimentari. Antonio Cianciullo sul Venerdì di Repubblica. @ Una rete di regioni europee pronte a valorizzare le tradizioni alimentari e gastronomiche locali contro la globalizzazione imposta dalla UE. E’ lo spirito che anima Regal, l’organismo battezzato la scorsa settimana a Bruxelles dall’Assessore all’Agricoltura della Lombardia, Gianni Fava, insieme agli omologhi di altre 4 regioni: Paesi Baschi, Navarra, Galles e Liguria. La rete si impegnerà per l’introduzione di regole a livello europeo che riguarderanno tematiche come - ad esempio - la refezione scolastica. “Basta gare al massimo ribasso - ha detto Fava - Le nostre eccellenze dovranno essere utilizzate anche nelle mense”. (Libero)

Più Barolo, meno Prosecco. Museo del Vino al taglio del nastro

Più Barolo, meno Prosecco. Museo del Vino al taglio del nastro

Più ettari per il Barolo, stop alle nuove vigne per il Prosecco. La Stampa di oggi riporta la doppia strategia scelta dai due consorzi in vista del nuovo anno. In Piemonte è polemica sulla scelta di autorizzare altri 10 ettari di nuovi impianti o riconversioni (oltre ai 20 già previsti): molti produttori non ci stanno, sostenendo che così il vino perde valore. Diversa la strategia del Prosecco Docg che non allargherà i 7549 ettari compresi nell’ambito della denominazione. Aumenti di produzione in vista (1200 ettari l’anno) per il territorio del Prosecco Doc. @ Intanto continua il trend positivo per gli spumanti italiani: il fatturato 2017 dovrebbe chiudere a 1,3 miliardi. A far da traino proprio il Prosecco con 280 milioni di bottiglie e un fatturato di 810 milioni. @ Il Museo del Vino piemontese è ai nastri di partenza: dalla Regione in arrivo 3,5 milioni. Entro l’estate un advisor valuterà come procedere. Oltre all’area espositiva e didattica anche negozi e un ristorante gourmet. (IlGiornale)

Pranzi a domicilio, gocce di Violet e stranezze natalizie

Pranzi a domicilio, gocce di Violet e stranezze natalizie

Sushi, involtini e pollo al curry sono i piatti più richiesti a domicilio. E’ quanto emerso da un’indagine di Just Eat compiuta sulla città di Milano, prima in Italia per ordini in pausa pranzo. Secondo l’Osservatorio, rispetto al 2016 le ordinazioni sono cresciute del +54%, con preferenze accordate alla cucina giapponese e cinese ma anche alle proposte etniche. In crescita le prenotazioni dei cibi spagnoli e mediorientali. Boom di ordini entro le 12. (Libero) @ A Collobiano nasce la prima “Nutella” viola. Si chiama Gocce di Violet ed è un’essenza spalmabile di riso Violet prodotta da Stefano Sanese ed Eleonora Bertolone, alias RisodiNori. Il prodotto, di cui si parla sulle pagine de La Stampa, è stato presentato in anteprima a Golosaria Milano, dove ha riscosso un ottimo successo tra il pubblico. @ Regali di Natale online: sì, ma dove consegnare? Negli ultimi anni sono nate start up che creano una rete di esercenti disposte a improvvisarsi destinazioni per le consegne dell’e-commerce, mentre i maggiori operatori (come Amazon e TNT) hanno previsto cabine sparse in punti strategici della città. (Corriere della Sera di venerdì) @ Intanto, sta facendo il giro del web l'iniziativa con cui circa 300 dipendenti della Melegatti, storica azienda dolciaria di Verona, stanno cercando di salvare il posto di lavoro. A seguito del nulla osta ottenuto dal Tribunale per il riavvio della produzione dopo un momento critico, gli operai, attraverso gli hashtag #noisiamomelegatti e #NataleConMelegatti hanno avviato una mobilitazione via web per incitare all'acquisto dei panettoni e raggiungere un obiettivo importante: recuperare il tempo perso e produrre, intro il 10 dicembre, 1,57 milioni di pandori e panettoni. (QN) @ Tra i regali più gettonati, almeno in Inghilterra, ci sono oggestica e alimenti per animali. Tra le ultime stranezze il Pawsecco, una bevanda dedicata a Fido con cui brindare nelle feste di fine anno. (Il Giornale)

L'assaggio

L'assaggio

Al ristorante Casa Amèlie (via Carlo Ignazio Giulio - tel. 011 5211579) di Torino. A due passi dalla movida del quadrilatero torinese, un locale piccolo ma accogliente che offre una cucina improntata alla semplicità, con le materie prime protagoniste. Tra i piatti da provare le animelle con sedano nero e vellutata di spezie, il riso San Massimo con prezzemolo, Senise e uova di Keta, i plein di broccoli e bouillabaisse ma anche il maialino con insalata e carpione leggero. Su ilGolosario.it la sosta di Domenico Arecco.

Il Vino

Il Vino

Il Pinot Gris 2016 di Lo Triolet (tel. 0165 95437) di Introd (AO). Le Triolet, già nostro Top Hundred, propone ancora una volta espressioni del territorio che fan onore alla Valle D'Aosta. Nel bicchiere il Pinot Gris, che ha colore davvero tendente al ramato di ottima concentrazione, con note al naso di polpa di frutta gialla (prugna regina), speziatura molto intensa e molto persistente. E' una potenza. In bocca rotondo elegante e poi una doppietta finale fra il dolce e l'amaro. Finisce sapido e lunghissimo. Un vino clamoroso!

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus