La rassegna stampa del 2 agosto 2017

Estate da bollino rosso in numerose città italiane. Ieri il picco dei gradi percepiti - 50 - è stato registrato in Sardegna e a Capo San Lorenzo, mentre a Napoli le temperature hanno raggiunto i 49° e domani boccheggeranno 26 città italiane tra cui Milano, Torino, Bolzano, Trieste, Venezia, Bologna, Roma, Napoli, Reggio Calabria, Palermo e Cagliari. (La Stampa) Ma tra granite, gelati e consumi di bevande rinfrescanti, il grande caldo ha anticipato di 15 giorni anche la vendemmia; in Piemonte si stacca già il pinot nero mentre in Sicilia ci si prepara alla raccolta delle uve bianche. Paolo Massobrio su Avvenire di oggi. @ E in tema di raccolta, su La Stampa di oggi si parla ancora della mietitura delle lenticchie di Castelluccio, il paese in provincia di Norcia dove gli agricoltori hanno portato avanti la semina nonostante i danni subiti dal terremoto.

• Oggi si celebra l’Overshoot Day, ossia “Il giorno del sorpasso”, momento dell’anno in cui il mondo entra ufficialmente in deficit di risorse. Lo spiega su Avvenire Francesco Gesualdi, che scrive: “Abbiamo messo il mondo a soqquadro non per garantire la dignità di tutti, ma il benessere sino allo spreco di pochi. Due le sfide da affrontare: permettere agli immiseriti di risalire la china e lasciare ai nostri figli una situazione vivibile”.

• Il Brachetto si fa dry. Via libera del ministero alla produzione dell’Acqui Dry, ossia il brachetto in versione secca. Per il presidente del consorzio di tutela, Paolo Ricagno: “E' un prodotto che promette di essere una vera opportunità di rilancio per la filiera”. (La Stampa) @ Intanto, da una classifica di Euromonitor emerge che il 13% dei volumi commercializzati di vino è in mano a 10 produttori. Sul podio la Gallo Winery, che vanta il 2,7% del mercato mondiale. (Italia Oggi) @ Si chiama Akènta (in dialetto sardo, un augurio per cent’anni di salute n.d.r) ed è un particolarissimo spumante che la Cantina Santa Maria La Palma fa invecchiare in fondo al mare, al largo di Capo Caccia. “Profumi e aromi - spiega su QN il dg della cantina Eugenio Profili - si conservano grazie alla temperatura costantee la pressione frena la spinta delle bolle, determinando un perlate finissimo”. @ Ma da leggere, su QN, è anche l’intervista di Paolo Galliani a Silvano Brescianini, socio fondatore e direttore della cantina franciacortina Barone Pizzini, che in merito alla svolta biologica dell'azienda confida: “L’approccio etico conta quanto la nostra storia. Utilizzare sostanze organiche per mantenere la vigna sana, è garanzia di qualità e salute”.

• Brutto “scippo” nel mondo della mozzarella. L’azienda neozelandese Fonterra invade il mercato cinese commercializzando con il nome di “mozzarella cheese” un formaggio filante prodotto a nord di Camberra. Andrea Cuomo su Il Giornale. @ Non se la passa bene neppure il . Il celebre darjeeling, tra le varietà più pregiate del mondo, rischia di estinguersi e già nei prossimi giorni scomparirà dal mercato mondiale all’ingrosso. A mettere in ginocchio i raccolti uno sciopero generale dei coltivatori indetto in nome della liberazione dei Gurkha, un’etnia locale nepalese che da tempo chiede l’autonomia. (Corriere della Sera) @ Com’era fatto il primo fiore del mondo? Un team di botanici dell’università di Paris Sud ricostruisce l’aspetto della pianta floreale progenitrice del 90% delle specie moderne; il primo fiore sbocciò sulla terra 140 milioni di anni fa, simile un po’ a una magnolia, un po’ a una ninfea. (Repubblica) @ “Ho visto un uomo morire per la dieta dei respiriani”. Su Libero una donna italo-peruviana, Helena Linares, racconta l’esperienza drammatica vissuta ad un corso in cui ci si ciba solo di aria e accusa il leader del movimento respiriano, Nicholas Pilarts, di non aver prestato alla vittima le cure adeguate.

• In televisione funziona lo storytelling delle tagliatelle. Parola di Riccardo Bocca, che su Espresso commenta l’evoluzione della tv contemporanea. “Per rimanere al centro dell’attenzione la tv ha bisogno di una lingua universale. Ecco perché punta su cuochi e padelle”.

• Nuova recensione per Subito Barbecue, il libro scritto da Marco Agostini per la collana “I Libri del Golosario” (Cairo-Comunica). Sul settimanale Nuovo Cucina, il volume è protagonista di un approfondimento che spiega come imparare a grigliare a regola d'arte.