Si può dire che in Liguria ci sia una torta salata diversa sotto ogni campanile. Denominatore comune di tutte è la cosiddetta “pasta matta” a base semplicemente di farina, acqua, olio e sale. Le farciture cambiano a seconda delle stagioni. In primavera predominano le erbe spontanee miste mescolate a ricotta piuttosto che “prescinseua” (quagliata) o altri formaggi. Nei mesi estivi, le zucchine trombette mentre in autunno ci sono riso e zucca, carciofi, bietole.

Ingredienti

  • PER LA PASTA:
    • 260 g di farina tipo “0”
    • 50 g di olio extravergine di olive taggiasche
    • 1 dl circa di acqua tiepida
    • 1 cucchiaino da caffè colmo di sale

    PER LA FARCIA:
    • 500 g circa di erbe spontanee miste pulite (bietole selvatiche, silene, borragine, piattello)
    • 400 g di patate
    • 60 g di Pecorino grattugiato
    • 150 g di formaggio tuma
    • 2 uova
    • 1 cucchiaio raso di farina
    • 100 g di panna liquida fresca
    • sale e pepe

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

antipasti

ESECUZIONE

media

PREPARAZIONE

60 min

COTTURA

50 min

ALTRO

30 min. di riposo per la pasta

PREPARAZIONE

Impastate la farina con gli ingredienti indicati e lavorate la pasta energicamente e a lungo finché risulterà liscia, morbidissima e setosa. Fatela riposare per circa mezz’ora sotto una ciotola capovolta.

Tritate grossolanamente a mano le erbe. Sbucciate le patate e tagliatele a fettine sottilissime (circa 2 mm) con la mandolina. Mettete tutto in una ciotola, unite la farina e mescolate. Aggiungete quindi le uova, il formaggio semistagionato tagliato a lamelle piccolissime e sottili, il formaggio grattugiato e regolate di sale e pepe. Stendete la pasta su una spianatoia di legno fino a ottenere un disco sottile di 40 cm di diametro e appoggiatela su una teglia da pizza. Mettete sopra il ripieno e livellatelo. La pasta deve debordare intorno di circa 5 cm.

Versate sopra la panna e stendetela con il dorso di un cucchiaio. A questo punto sollevate la pasta debordante e portatela verso il centro tirandola un poco e facendo delle pieghe regolari, senza schiacciarle. Al centro dovete lasciare libero un disco di circa 5 cm. Se vi è della pasta in eccesso, asportatela tagliandola.

Cuocete in forno già caldo a 180°C per circa 50 minuti.