Gli n’dunderi sono il piatto tipico della festa di Santa Trofimena, patrona della città campana di Minori. Per tale festa, vengono conditi con il ragù alla napoletana ossia con il fondo di cottura di carni miste stufate a lungo con pomodoro e poi passati in forno

Ingredienti per 4-6 persone

  • PER GLI “N’DUNDERI”:
    • 500 g di farina di farro e grano tenero in parti uguali o di solo grano tenero
    • 400 g di ricotta vaccina fresca
    • un uovo e un tuorlo
    • una manciata di grana o caciocavallo grattugiato
    • sale, pepe e noce moscata

    PER IL CONDIMENTO:
    • 1 kg di cozze
    • 150 g di code di gamberetti piccoli
    • un moscardino di circa 300 g
    • 400 g di pomodori pelati
    • 2 rametti di prezzemolo
    • 2 spicchi d’aglio
    • mezzo bicchiere di vino bianco secco
    • olio EVO

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

primi

ESECUZIONE

facile

PREPARAZIONE

60 min

COTTURA

40 min

PREPARAZIONE

Impastate la farina di farro con 150 g di farina di grano tenero e gli altri ingredienti indicati finché saranno ben amalgamati tra loro. Se l’impasto risultasse troppo asciutto unite due cucchiai di latte. Fate riposare 10 minuti poi procedete come per i classici gnocchi rigandoli sull’apposita assicella. Scaldate alcuni cucchiai di olio con uno spicchio d’aglio schiacciato poi aggiungete il moscardino tagliato a pezzettini corti/dadini, fatelo insaporire per qualche minuto poi bagnate con metà vino bianco e fate evaporare. Unite i pomodori tritati e cuocete a fiamma bassa per circa mezz’ora. A parte fate aprire le cozze ben pulite con l’altro spicchio d’aglio scaldato nell’olio. Sfumate con il restante vino bianco, fate evaporare e spegnete. Sgusciate le cozze, unitele al sugo con il loro liquido filtrato, aggiungete anche i gamberetti e cuocete ancora per un minuto. Unite infine il prezzemolo tritato. Cuocete gli gnocchi in due tornate in abbondante acqua salata in ebollizione. Scolateli dopo 5-6 minuti dalla loro salita a galla e saltateli nel sugo preparato.