Una ricetta dolce che valorizza al meglio due frutti tipici del mese di settembre, i fichi e l'uva

Ingredienti per 10 persone

  • 150 g di farina di riso
  • 130 g di farina “00”
  • 6 tuorli
  • 165 g di burro
  • 220 g di zucchero
  • la scorza grattugiata di un limone
  • 1/2 cucchiaino da caffè di lievito vanigliato
  • 300 g di fichi neri piccoli
  • 300 g di fichi verdi piccoli
  • 1 grappolino di uva bianca
  • 1 grappolino di uva nera
  • 4 dl di vino Moscato
  • 100 g di panna montata
  • 1 cucchiaio raso di maizena
  • 7 g di gelatina in fogli

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

dolci

ESECUZIONE

media

PREPARAZIONE

20 min

COTTURA

40 min

ALTRO

30 riposo

PREPARAZIONE

Mescolate le due farine con il lievito e impastate con il burro ammorbidito e tagliato a pezzetti, 120 g di zucchero, la scorza di limone grattugiata, un pizzico di sale e 3 tuorli. Formate un panetto appiattito e fatelo riposare per mezz’ora in frigo avvolto nella pellicola.

Stendete la pasta e rivestite una tortiera di 28 cm di diametro foderata con carta da forno, punzecchiatela con la forchetta, copritela con altra carta, mettete sopra alcune manciate di legumi e cuocete in forno già caldo a 170-180°C per 25-30 minuti.

In un pentolino, sbattete a spuma i tuorli rimasti con tre cucchiai di zucchero, incorporate la maizena, poi versate 1,5 dl di Moscato a filo. Fate addensare la crema a fiamma bassa, fatela raffreddare e poi incorporate la panna.

Scaldate 1 dl di Moscato con due cucchiai di zucchero; appena sciolto, incorporate la gelatina precedentemente ammorbidita e strizzata e il restante vino e lasciate raffreddare a temperatura ambiente. Mettete il guscio di pasta su un vassoio, spalmatelo con la crema zabaione e sistemate sopra i fichi freddi di frigo divisi in metà, alternando un giro di fichi neri e uno di verdi partendo dall’esterno.Tra un giro di fichi e l’altro, inserite un anello di uva, alternando acini bianchi e acini neri.

Versate sopra la gelatina e fate raffreddare in frigo finché la gelatina sarà rappresa.