Questa è una ricetta popolare tipica della Sicilia Orientale, che ha numerose varianti: il coniglio può essere fritto, si possono aggiungere dadini di pomodoro, pinoli, uvetta e anche melanzane a cubetti fritte

Ingredienti per 4-6 persone

  • 1 coniglio pulito di circa 1,5 kg
  • 3 patate medie
  • 2 carote
  • 3 costole di sedano
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 peperone
  • 1 rametto di menta fresca
  • 1 cucchiaio di capperini salati
  • 100 g di olive
  • 1/2 bicchiere di aceto di vino bianco
  • 1 pizzico di peperoncino
  • olio extravergine di oliva
  • aceto
  • sale

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

secondi

ESECUZIONE

media

PREPARAZIONE

15 min

COTTURA

50 min

PREPARAZIONE

Tagliate a pezzi il coniglio, mettetelo in una larga padella antiaderente senza l’aggiunta di alcun condimento e fatelo rosolare da entrambi i lati in modo che emetta tutta l’acqua in esso contenuta. Eliminate l’acqua prodotta e proseguite la rosolatura finché la carne tenderà a dorare. Scaldate alcuni cucchiai di olio in un tegame con l’aglio diviso in metà e fate rosolare il coniglio. Salate, aggiungete i capperi sciacquati e le olive, bagnate con qualche cucchiaio di acqua bollente e di aceto, mettete il coperchio e cuocete a fiamma bassa per circa 15 minuti. Sbucciate le patate, tagliatele a dadi non troppo grossi e sbollentatele per 2-3 minuti in acqua in ebollizione. Nella stessa acqua sbollentate anche, separatamente e per 3-4 minuti, il sedano e la carota tagliati a tocchetti. A parte, friggete nell’olio il peperone tagliato a strisce non troppo lunghe. Scaldate 3-4 cucchiai di olio in una padella e fate saltare le verdure scottate per alcuni minuti. Salatele e unitele al coniglio. Unite anche il peperone fritto e il peperoncino, bagnate con l’aceto rimasto e proseguite la cottura per circa un quarto d’ora. A cottura ultimata unite le foglie di menta spezzettate.