Fate sosta ad Appiano Gentile per assaporare Il Golosino: due frolle di farina di mais e farina di nocciole unite da uno strato di crema morbida al cioccolato e ricoperte di cioccolato

Abbiamo già scritto del ristorante della famiglia Tarantola (per leggere la recensione clicca qui), legata al mondo della gastronomia fin dagli anni '50, quando Italo Tarantola e Annamaria Bof aprono una trattoria a San Bartolomeo, una piccola frazione di Appiano Gentile, dove servono i piatti della tradizione contadina. Nel 1958 acquistano un laboratorio in paese per la produzione di pane e pasticceria da forno per arrivare al 1970 con l'apertura dell'attuale ristorante: un grande locale immerso nel verde in cui i figli, pur proseguendo l'eredità paterna, imprimendo una svolta più creativa e ricercata alla cucina.

Nel 1992 l'attività si amplia ulteriormente con l'acquisizione di un negozio di pasticceria ad Appiano Gentile, dove i prodotti del laboratorio artigianale trovano un'adeguata vetrina. Oggi la pasticceria Tarantola (piazza Libertà, 6 - tel. 031 890612) ha un ampio assortimento di pasticceria mignon classica, torte, biscotti e prodotti salati. 

La specialità imperdibile è Ul Gulusin, il biscotto d'Appiano: due frolle di farina di mais e farina di nocciole unite da uno strato di crema morbida al cioccolato e ricoperte di cioccolato, un vero trionfo goloso di cioccolato nato dalla fantasia dello chef Vittorio Tarantola, che viene proposto anche nelle varianti al caffè e all’arancia. Paolo Massobrio lo ha assaggiato, dopo la visita al ristorante, trovandolo eccezionale. 

Ottimi anche i dolci a lievitazione naturale, colombe e panettoni con canditi e farciture di creme dai gusti classici o inediti che, con la tecnica della vasocottura, sono disponibili tutto l'anno. Tra le torte, la titolare Maria Rosa Rusconi Tarantola suggerisce di provare la Torta oro e cioccolato: un biscotto morbido al cioccolato con mousse al cioccolato fondente e una copertura lucida al cioccolato pennellato d'oro e frutti di bosco freschi. Tra le altre ricordiamo la crostata al cioccolato con mele e cannella, la millefoglie al gianduja e marrons glacés, la Sacher e l'Arancina con scorze d'arancia candita.

Sbirciando nella vetrina dei biscotti ecco i quadratini di farina di mais, i sablé alla vaniglia e al cacao, le frolle alle mandorle e i Belli e Buoni, paste frolle morbide aromatizzate ai fiori. Ma ovviamente è il cioccolato una delle grandi passioni della famiglia Tarantola cui ha dedicato un'intera area del proprio laboratorio. E da qui escono ben 24 gusti di tavolette, i bottoni in cui il cioccolato è arricchito da spezie e canditi, i Capricci rocher alle mandorle e nocciole, e poi uova e soggetti di Pasqua, o natalizi. 

I nostri golosi assaggi sono stati gli amaretti morbidi con mandorle e armelline, le coroncine con cacao e mandorle, i Golosini classici e la colomba a lievitazione naturale con canditi all'arancia e glassa alle mandorle.
Bella la presentazione dei biscotti in eleganti barattoli in vetro, perfetti da regalare.