Brindisi con la Barbera d’Asti Superiore Montruc di Franco Maria Martinetti alla Fiera Nazionale del peperone che oggi celebra a Carmagnola l’ultima giornata della 69ˆedizione

Carmagnola, in Piemonte, ha un primato. È il palcoscenico della manifestazione fieristica di caratura nazionale più grande d' Italia dedicata a un prodotto agricolo, il peperone. Orgoglio locale – quattro le tipologie riconosciute dal Consorzio dei produttori che hanno denominazione di “Peperone di Carmagnola”, ossia il Quadrato (il bragheis), il Corno di bue (il lung), la Trottola e il Tumaticot – e gloria del gusto italiano, ogni anno è protagonista di un festival, progettato da Totem Eventi, che si articola in dieci giorni di eventi gastronomici, culturali, artistici ed esperienze creative, coinvolgenti, per tutte le fasce di età, con tradizionale esposizione di peperoni e relativi concorsi, incontri guidati dai giornalisti Paolo Massobrio e Renata Cantamessa, degustazioni, sfilata di "Re Povron" e della "Bela Povronera", esibizioni dei gruppi folkloristici carmagnolesi, serate musicali e spettacoli di vari gruppi nonchè un'area commerciale dedicata agli espositori.

Oggi l’ultima giornata (www.sagrapeperone.it) e per brindare a questo grande appuntamento vogliamo abbinare a una piatto simbolo della cucina piemontese, i peperoni in bagna caoda (/ricette/peperoni-con-bagna-caoda) preparati secondo la ricetta della maestra di cucina Ruo Berchera, un grande rosso italiano, la Barbera Montruc di Franco Martinetti, matrimonio enogastronomico d’eccellenza, con cui ogni anno siamo soliti onorare la memoria del conte Riccardo Riccardi.
Rubino purpurea, ha naso elegantissimo con note di rosa, viola, marasca, frutti di bosco, tabacco e spezie, mentre in bocca è calda, generosa, con sorso sostenuto da bella acidità e suggestiva nota minerale e sapida, con un finale di persistenza infinita e retrogusto piacevolmente ammandorlato.