Un casale del '700, mille ulivi di cultivar autoctone, una lavorazione accurata per un olio di grande espressività e ottimo equilibrio

Maurizio Tamellini è il proprietario di un bellissimo oliveto sulle colline veronesi che sfiorano la Valle di Mezzane e quella di Illasi, dove le condizioni pedoclimatiche sono particolarmente favorevoli alla coltivazione dell'olivo. Sono circa mille le piante di cultivar autoctone quali Grignano, Favarol, Trepp, Perlarol, Maurino, Pendolino che danno origine all'extravergine d'oliva La Contarina.

Questo è anche il nome del piccolo frantoio che si trova all'interno di un antico casale di pietra risalente al Settecento. Le olive vengono raccolte per brucatura manuale e deposte in cassette forate per essere trasportate, entro tre ore, al frantoio per l'operazione di frangitura. La lavorazione è a ciclo continuo a freddo, una tecnologia che conserva nell'olio le qualità organolettiche dell'oliva.

L'annata 2016 è stata particolarmente favorevole e ha permesso di ottenere un olio di grande espressività e ottimo equilibrio. L'olio La Contarina ha colore verde con riflessi dorati e profumo fruttato medio con una piacevole nota verde che si prolunga in una componente leggermente balsamica. Il sapore è elegante ed equilibrato e, con la maturazione in bottiglia, acquisisce le note agrumate tipiche della cultivar Grignano, che costituisce il 70% delle componenti olivicole dell'olio.

È molto versatile, ideale sia a crudo sia in cottura. A crudo si impiega per condire le insalate di verdure e quelle di mare, per dare sapore a zuppe e vellutate e sui formaggi a pasta semidura. Perfetto per la cottura delle carni, rosse e bianche, e persino per la preparazione dei dolci lievitati.

Per scoprirne tutte le caratteristiche consigliamo la visita al frantoio di Maurizio Tamellini di Illasi in via Montecurto, 7 (tel. 3388278920 - www.lacontarina.it).

Questo il commento di Paolo Massobrio: "Ringrazio Simone Lobba che mi ha fatto conoscere questo olio e che mi dà l’ennesima conferma che questa zona, fra Illasi e Mezzane, ha una grande vocazione alla vite e all’ulivo. Gli oli che ho assaggiato di recente sono stupefacenti per dolcezza, e anche questo della Contarina gareggia fra i migliori. Durante Vinitaly allungate in questa area..."