A Cassinetta di Lugagnano, lo charme di sempre e una nuova gestione che ha i numeri per fare bene

È uno dei ristoranti più belli d’Italia. È locale dove si è scritta la storia della cucina italiana. È stata la luce romantica e golosa che ha illuminato per decenni la campagna alle porte di Milano. La scoperta che condividiamo con voi è che la mitica Antica Osteria del Ponte (piazza G.Negri, 9 – tel. 029420034) di Cassinetta di Lugagnano ha iniziato una nuova stagione.

Laura e Maurizio Gerola, una bella coppia, quindi, chi cercherà di far vivere la leggenda di questa bomboniera di gusto, portata dai sommi Renata ed Ezio Santin ai vertici della ristorazione internazionale. Sono giovani, ma dai primi passi si intuisce che non tremano davanti alle responsabilità, e, nostro giudizio, vista l’umiltà e la voglia di crescere che hanno, sembrano avere i numeri per far bene. L’ambiente è quello di sempre, caldo, elegante, romantico, ricco di quello charme che ha conquistato generazioni intere e che ha pochi eguali. Ai fornelli Maurizio Gerola mette in gioco il suo saperci fare, proponendo cucina italiana, senza fare il fenomeno, ma con piatti che all’assaggio si rivelano con un’anima, dal giusto mix di semplicità, legame con la tradizione e fantasia.

E allora, seduti sulle comode poltroncine ai tavoli apparecchiati di tutto punto in una delle splendide salette, per iniziare flan di broccolo con fonduta di Parmigiano e granella di noci o tartare di scottona con perle di tartufo indivia e maionese alla senape. Di primo, pasta, con cappelletti ripieni di ossobuco alla milanese, o riso, con risotto allo Champagne e scampi marinati al lemongrass. Poi, terra, con petto di faraona crema di mais, o mare, con merluzzo in oliocottura con lenticchie nere. Strudel di mele con gelato alla crema a chiudere. La storia continua!