Quattro declinazioni differenti, da provare in miscelazione. E c'è anche il Ginger Beer

Tutti conoscono Baladin per le sue birre. Da qualche anno l'azienda di Piozzo sta investendo molte energie anche in un'altra declinazione del bere: quella che ruota attorno alla mixology. È nato così il Beermouth, lo spirito innovativo che associa a una grande birra di base (la Xyauyù) le botaniche tipiche del vermouth. Ma anche la linea di cocktail in lattina (Beermouth & Tonic, Moscow Beer, Gin Tonic, Sidro Spritz, Beer Americano, Beer Hugo) che ha esordito durante il lockdown. A questo quadro si aggiunge la linea delle toniche, pensate in particolare per la mixology, che completa la già ampia linea delle (extra) bibite Baladin.
TONICA-AL-FIENO-baladin.jpgUna sera passeggiavo vicino a un campo di fieno appena sfalciato, di fianco al birrificio. Ho sentito quel profumo inconfondibile, e ho pensato di una fare un bel taglio di erbe montagne, di essiccarle e di farne un'estrazione come caratterizzante per una tonica. Ne è uscita una versione interessantissima, molto particolare: è come se uno si bevesse una tonica coricato in un fienile”. Teo Musso la descrive così la Tonica al Fieno che, provata in miscelazione con il Beermouth, diventa irresistibile. La fragranza dolce e inconfondibile del fieno maggengo – quello di primo taglio, il più profumato – proveniente dalle Alpi cuneesi si sposa con la nota amaricante del chinino, per un risultato suadente.
TONICA_BALADIN_20cl.jpgCome piacevoli sono le due versioni più classiche. La Tonica Baladin, non troppo spinta sull'amaro, indaga la “via italiana” caratterizzata dalla freschezza delle note agrumate. La Tonica Amara Baladin affila invece le note amare – senza esagerare – grazie alla miscela di radici e assenzio, cui fanno seguito afflati resinosi piuttosto persistenti. Irreprensibili entrambe, alla prova del più classico dei gin tonic.
TONICA-AL-FUMO-baladin.jpgDecisamente particolare è poi la Tonica al Fumo Baladin. Il punto di affumicato è dato dall’uso di un estratto di legno di quercia tostato, ottenuto dalla lavorazione di botti, per un profilo nell'insieme più legnoso e robusto, che di certo caratterizza il cocktail preparato.

C'è infine il Ginger Beer Baladin, in cui lo zenzero è evidente al primo sorso e persiste a lungo. Il limone italiano completa la ricetta. Da utilizzare nel Moscow Mule, ma anche in un bel Dark'n'stormy.

Tutte le toniche sono acquistabili anche sullo shop aziendale, dove è anche possibile acquistare le bottiglie di birra Nazionale (500 in tutte) il cui ricavato sarà interamente devoluto alle fondazioni Specchio dei tempi e Specchio d’Italia per contribuire al sostegno del “Villaggio Specchio” in Ucraina, in località Cernivci, dove ogni giorno vengono accolti 1300 profughi in fuga dalla guerra. Su ogni bottiglia di Nazionale è applicato l'adesivo creato dai birrai ucraini, come messaggio di solidarietà. 
ukraina-sticker.jpg