Se il gelato è un dessert banale per una domenica estiva, ecco un elegante semifreddo, ideale anche nelle occasioni speciali

Ingredienti per 10 persone

  • 4 uova
  • 100 g circa di zucchero semolato
  • 110 g di zucchero a velo
  • 200-300 g di panna fresca da montare
  • 3 dl di Moscato d’Asti (o meglio ancora Moscato da vendemmia tardiva)
  • 5-6 grosse pesche gialle mature ma sode
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 1 mazzetto di melissa (per decorare)

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

dolci

ESECUZIONE

difficile

PREPARAZIONE

20 min

COTTURA

10 min

ALTRO

6 ore raffreddamento

PREPARAZIONE

Sbattete i tuorli con 40 g di zucchero, unite 1,2 dl di Moscato, sistemate su un bagnomaria caldo e fate addensare continuando a sbattere. Fate raffreddare lo zabaione così preparato appoggiando il contenitore su acqua ghiacciata. Montate 90 g di albumi a neve direttamente a bagnomaria, con lo zucchero a velo; toglieteli quando saranno ben lucidi e inizieranno a velare leggermente le pareti della bastardella.

Montate la panna, unitela allo zabaione poi incorporate anche gli albumi a neve una volta raffreddati. Rivestite due stampi da plumcake (o triangolari) della capacità di 1/2 litro con pellicola trasparente, versate il composto preparato e ponete in congelatore per 5-6 ore.

Sbucciate le pesche e con uno scavino, ricavate tante palline quante più potete. Asportate successivamente la polpa di pesca residua con un coltello, mettetela nel frullatore con il succo di limone, aggiungete lo zucchero e il Moscato rimasti e frullate; versate sulle palline di pesca, unite 2 foglie di melissa tagliate a julienne e mettete in congelatore per 15 minuti.

Servite il semifreddo a fette con le palline di pesca e un po’ di liquido di macerazione. Guarnite ogni piatto con una foglia di melissa.