Oltre cent’anni di storia per questo salumificio di Gallarate, nato sul finire dell’800 e giunto oggi alla quarta generazione, con al timone la famiglia Minoli. Dopo Andrea, il fondatore, i figli Gino e Davide ampliarono l’attività nel secondo Dopoguerra e la trasferirono nella sede attuale di via Pegoraro (tel. 0331793367). Gli ultimi svilluppi sono stati nel 2008 quando i Minoli rilevarono uno storico salumificio piemontese nei dintorni di Arona, sviluppando l’attività anche nella zona del VCO e, l’anno seguente, quando aprirono lo spaccio aziendale all’interno dello stabilimento.

Qual è il segreto di tanto successo e longevità? Oltre alla lavorazione attenta e alla scelta delle migliori materie prime, è da attribuire alle antiche stanze di stagionatura dove la temperatura e l’umidità sono costanti in ogni stagione dell’anno garantendo così un microclima perfetto per la maturazione di salami, lonze, coppe, salami di cavallo e del Salame Prealpino Varesino dalla grana media e dalla consistenza asciutta. Assaggiati da Paolo Massobrio, hanno colpito per l’ottima qualità sia gustativa che tattile. “Davvero uno degli ultimi artigiani del salame” è stato il commento dell’autore del Golosario, che inserirà questo salumificio fra le novità degne di attenzione nell’edizione del 2016.

Di grande qualità anche i freschi tra cui salamelle, cotechini, salsiccia magra e luganiga al Parmigiano Reggiano e un’assoluta specialità cotta, a base di fegato suino aromatizzato con vin brulé, disponibile in vari formati e a tranci. Per l’estate 2015 segnaliamo i leggeri cuori di lonza, stagionati e speziati ad arte con ginepro, pepe rosa, pepe verde e peperoncino.

Potete acquistarli nello spaccio aperto dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12 e dalle 13,30 alle 17,30 e il sabato mattina. Da visitare.