A Cossato, l'azienda La Bruera realizza ottimi campioni di Paletta biellese, salame di patate, mula e lardo alle erbe

Ai margini della Riserva naturale delle Baragge, su un altopiano "popolato" da praterie, brughiera e felci si trova l'azienda La Bruera – che deriva il nome proprio da brugo – nel comune di Cossato (Cascina Giamen - via Castellengo, 69 - tel. 015 983848 - 3358304906). Qui, negli anni Settanta, Umberto Scopel con la moglie Daniela decidono di vivere a contatto con la natura dedicandosi alla creazione di un'azienda agricola a ciclo chiuso che si occupa di tutto: dalla coltivazione delle granaglie per nutrire i suini fino alla lavorazione e alla vendita degli insaccati. 

Allevano circa 200 maiali di razza Cinta Senese, Landrace e Large White come si faceva una volta, lasciandoli pascolare nei campi di proprietà e rispettando i loro tempi di crescita. Poi li macellano solo quando hanno raggiunto il momento migliore per la lavorazione e si occupano della trasformazione delle carni. Impiegano budelli naturali, erbe nostrane, sale e spezie e, quando previsto nelle ricette, vino delle colline vicine. Non usano allergeni, conservanti o farine quindi i salumi sono adatti ai celiaci.

La stagionatura avviene in cantine naturali con i tempi giusti e l'esperienza della famiglia. 
Quali i prodotti? Sono le eccellenze del territorio biellese, in primis il salame di patate, con patate coltivate in azienda, impastate con la carne per un risultato morbido e dal sapore delicato, mai aggressivo; poi il lardo alle erbe che può raggiungere fino ai 12 centimetri di spessore; il salame sotto grasso; la Mula, una variante del salame cotto, e la Paletta biellese, ottenuta dalla spalla del suino, insaporita con bacche ed erbe, che può essere consumata cruda dopo adeguata stagionatura oppure cotta accompagnata da purè di patate o polenta.

Nello spaccio de La Bruera ci sono anche salami di asino e di selvaggina, coppa, pancetta, soppressa con e senza aglio, cotechini e zamponi, sanguinacci e salsicce. Merita la visita.