Al Fado, i quattro fratelli Haupt allevano maiali allo stato semibrado e coltivano piccoli frutti di bosco

Quattro fratelli, i fratelli Haupt, un primario di medicina (in pensione da pochissimo), un magistrato, un epidemiologo e un dirigente d'azienda, hanno deciso di riportare in attività, con l'aiuto dei figli, i terreni attorno a una casa colonica sul passo del Turchino, più precisamente al Fado. Così, rimboccate le maniche, hanno fatto di quel posto, ereditato dalla madre, la “Nonna Carli” che dà il nome all'azienda, un luogo incantevole, formato da un piccolo borgo di case, attorniato da prati, campi e boschi puliti.

Per dare un senso all'investimento, hanno deciso di aprire un'azienda agricola, nata un paio di anni fa, e che ora sta entrando a regime: oggi vengono allevati 70 maiali allo stato semibrado e 50 tra pecore e agnelli, mentre nei campi sono stati messi a dimora piccoli frutti di bosco (lamponi, ribes, more e mirtilli), oltre a verdure stagionali. C'è un piccolo punto vendita, un laboratorio dove vengono conservati e confezionati i salumi e una stanza per la loro stagionatura a temperatura e umidità controllata. In vista della bella stagione, hanno anche attrezzato un'area per accogliere inrelax i visitatori.Il risultato è eccellente.

Tra i salumi prodotti, è molto buono il salame crudo, cosìcome strappano complimenti convinti la testa in cassetta e il lardo: la prima, di grande equilibrio e sapore; il secondo, morbido e speziato con perizia. Da provare anche il prosciutto cotto, la pancetta e la coppa. Dai frutti di bosco, invece, nascono confetture extra, come quella alle more di rovo, di grande qualità. L'azienda vende anche carni suine e ovine.