In questo raffinato antipasto, la delicatezza della sogliola si sposa perfettamente con i pistacchi e le erbe aromatiche

Ingredienti per 14 persone

  • 600 g di polpa di pesce bianco (branzino, nasello, orata, pescatrice)
  • 2 albumi
  • 1 dl di panna liquida fresca
  • 60 g di pistacchi non tostati
  • 12 filetti di sogliole
  • 1 noce di burro
  • 2 rametti di prezzemolo
  • 10 steli di erba cipollina
  • valeriana piccola o insalatine miste
  • olio extravergine di oliva
  • aceto di Moscato
  • 1 noce di burro
  • sale

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

antipasti

ESECUZIONE

difficile

PREPARAZIONE

60 min

COTTURA

75 min

PREPARAZIONE

Pulite le sogliole, sfilettatele e battetele leggermente con un batticarne. Imburrate uno stampo per terrine della capacità di circa 1,5 litri e rivestitelo con i filetti di sogliola accavallandoli leggermente e facendoli debordare. Frullate la polpa di pesce poi aggiungete gli albumi e la panna a filo e frullate nuovamente regolando di sale. Mettete il composto in una ciotola e fatelo riposare in frigo per un’ora.

Unite infine i pistacchi spellati, il prezzemolo e l’erba cipollina tritati. Riempite la terrina con la farcia preparata, rivoltate sopra la parte debordante delle sogliole, coprite con carta da forno e fate ancora riposare per mezz’ora in frigo.

Cuocete la terrina a bagnomaria in forno già caldo a 170°C per circa un’ora e un quarto. A cottura ultimata togliete la terrina dal forno e appoggiatevi sopra una terrina delle stesse dimensioni contenente un oggetto pesante in modo da compattarla. Fatela raffreddare completamente.

Tagliate la terrina a fette e servitela su un letto di insalatine condite con la vinaigrette.