Una ricercatrice italiana scopre che le radici sentono il flusso dell’acqua

Le piante riescono a localizzare l’acqua in movimento a partire dal suo suono, prima che dall’umidità presente nel terreno. A scoprirlo un team dell’Università del Western Australia, guidato dalla biologa italiana Monica Gagliano che ha raccolto le ricerche nel libro The language of plants. Per dimostrare la teoria è stata utilizzata una pianta di piselli fatta crescere in un terreno dov’era stato collocato un tubo in pvc in cui era fatta scorrere l’acqua. Le radici si orientavano per crescere proprio in direzione dell’acqua, solo sentendone il rumore dello scorrimento. diverso il caso dell’umidità verso cui si orientano per le fonti di acqua più vicine. “Ancor più sorprendente - spiega la ricercatrice - la capacità delle piante di distinguere tra acqua che scorre davvero o semplice registrazione”. (Venerdì di Repubblica)