Il Molise, piccola regione del Sud Italia di antica vocazione agricola, ha un territorio prevalentemente collinare e un microclima particolarmente favorevole alle colture dell’olio e del vino. Nel paese di Monteroduni (località Sant'Eusanio – tel. 0865491222), a 250 metri slm, in un territorio collinare dove si incontrano elementi mediterranei e continentali, la Tenuta Pignatelli coltiva 3000 ulivi secolari su una superficie di circa 100 ettari.

Gli ulivi appartengono ad antiche cultivar autoctone, tra cui Aurina, Paesana Bianca, Paesana Nera. Questa eccezionale materia prima, unita a un costante controllo della filiera, dà origine agli oli extravergine Principe Pignatelli, come il Classico, ottenuto da un blend di olive di varietà autoctone accuratamente selezionate, raccolte in parte per brucatura a mano e in parte con scuotimento meccanico, spremute a freddo entro le 12 ore dalla raccolta con frantoio a ciclo continuo, di colore giallo/verde, gusto rotondo e di buon equilibrio tra amaro e piccante, con sentori di erba e di ginestra.

L’olio Molise Bio Dop è ottenuto da uliveti certificati e varietà autoctone selezionate, ed è proposto anche nella versione biologica, frutto di una lavorazione specifica e separata. Possiede certificazione ICEA. Accanto a questi, ci sono gli oli extravergine monovarietali che conservano i pregi e le caratteristiche di una particolare selezione. Ecco l’Aurina di Venafro caratterizzato da un fruttato delicato ed equilibrato; il Paesana Nera, lievemente fruttato; il Paesana Bianca, con un fruttato verde con spiccate note erbacee.

Per valorizzare al massimo l’olio, l’azienda ne ha esteso l’utilizzo in abbinamento ad altri prodotti tipici italiani come tartufi, funghi porcini, limoni. Sono nati così i condimenti e le conserve in vasetto, come le malanzane sott’olio, il tartufo sott’olio e le creme (di olive nere, di olive verdi, di carciofo, la tartufata).