Bruxelles lascia ai produttori un anno di tempo per autoregolamentarsi. Ma se la proposta non sarà accolta interverrà direttamente la Commissione

365 giorni. Tanto è il tempo che i produttori di alcolici, vini inclusi, avranno per trovare un accordo sull’etichetta nutrizionale da apporre sui loro prodotti.

Lo ha reso noto la Commissione Europea, che ha presentato il rapporto sull’etichettatura obbligatoria per le bevande alcoliche, specificando che saranno esentate dall’obbligo tutte le bevande con contenuto alcolico inferiore all’ 1,2% per volume.

Ma da Bruxelles non è tutto: qualora la proposta di autoregolamentazione avanzata dai produttori fosse ritenuta inadeguata, l’UE lancerà una valutazione di impatto che porterà automaticamente a una regolamentazione.