Ecco la ricetta di un dolce classico della pasticceria: la bavarese. Un dolce al cucchiaio squisito e raffinato, che si può arricchire a piacimento con frutta fresca o salse

Ingredienti per 16 persone

  • 150 g di tuorli d’uovo
  • 150 g di zucchero
  • 20 g di amido di riso
  • 350 g di panna
  • 1 bacca di vaniglia
  • 350 g di latte
  • 12 g di gelatina ammorbidita
  • 500 g di panna montata non zuccherata

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

Dolce

ESECUZIONE

Media

PREPARAZIONE

30 min

COTTURA

8 min

PREPARAZIONE

Mescolate con il frustino i tuorli, l’amido e lo zucchero; a parte, in una pentola capiente, bollite il latte con la panna e le bacche di vaniglia. Incorporatevi la massa delle uova e portate a cottura alla rosa (*) circa a 82°C; una volta cotta, aggiungete la gelatina precedentemente ammorbidita in acqua fredda. Lasciate raffreddare in frigorifero e quando la massa avrà raggiunto la temperatura di 26-28°C, incorporate la panna montata lentamente.

Con l’aiuto di un sac-à-poche disponete la bavarese nei bicchieri, metteteli in frigorifero per almeno due ore. Guarnite con frutta fresca a piacere o con cioccolato grattugiato.

(*)Per capire se la salsa è pronta, un tempo si soffiava sul cucchiaio di legno contenente un velo di salsa: se si formava un’increspatura simile ai petali di rosa la crema era pronta. Da qui “cottura alla rosa”.
vaniglia_ok.jpgNota. La pianta della vaniglia, originaria dell’America centrale, produce un lungo baccello di consistenza carnosa che, riunito in grappoli di otto o dieci, contiene numerosi semi molto piccoli e di colore nero brillante. Al momento dell’acquisto occorre verificare che i baccelli siano gonfi, morbidi e con una buccia sottilissima. I migliori in assoluto sono i baccelli ricoperti da una leggera polvere bianca, costituita dalla vanillina che è trasudata dall’interno del baccello. Se il baccello dovesse indurirsi, è possibile tenerlo in infusione in un liquido (possibilmente in quello che poi verrà usato nella ricetta).
I baccelli dovrebbero essere conservati in un contenitore a chiusura ermetica, in un luogo fresco (sui 10-15 gradi) e non più di sei mesi.