Un succo d'uva promosso a pieni voti per il suo sapore dolce, per la sua consistenza perfetta e perché fa bene

Oggi vogliamo parlarvi di uve e vigne non per presentare un vino, bensì un succo analcolico, adatto sia agli adulti che ai bambini. L'artefice è il giovane Gabriele Bosia nella sua azienda agricola di Cessole (At - regione Bonino, 2), tra Langhe e Monferrato. O meglio nell’Alta Langa dove possiede molte piante di nocciole Piemonte, mentre a Mongardino, nel Monferrato, possiede un piccolo vigneto di uve barbera e grignolino. Da qui l’idea, maturata con lo zio Daniele Piotti, professore all'Istituto Agrario, di realizzare un succo d'uva.

La produzione è recente, infatti le prime 5.000 bottiglie sono state confezionate dopo la vendemmia del 2016 e, se saranno apprezzate come meritano, il prossimo anno l'investimento sarà maggiore. L'uva, dopo la raccolta, viene subito pastorizzata per evitare che inizi il processo di fermentazione e anche la formazione di alcol; non viene aggiunta acqua e nemmeno zucchero: la dolcezza è data solo dal fruttosio contenuto nell'uva. Una volta che il succo si è raffreddato viene imbottigliato senza conservanti ed è pronto per essere consumato.

Dalle bottigliette trasparenti si apprezza il bel colore rosso rubino, limpido, il profumo richiama il vino e il sapore è naturalmente dolce e di buon equilibrio. Dissetante e rinfrescante si può bere in ogni momento della giornata.

Questo il commento di Paolo Massobrio: “Mi è piaciuto molto, ma non era la prima volta che assaggiavo un prodotto da uve. Il fatto è che tutti gli altri campioni sono stati deludenti, mentre questo, finalmente, mi ha convinto: senti la dolcezza piena dell’uva, la consistenza liquida e non troppo pastosa (perfetto equilibrio) e sai di bere qualcosa di salutare. Per me è promosso a pieni voti. Anche perché, un prodotto così, basta assaggiarlo per convincersene”.

Per gli acquisti ci si può rivolgere direttamente in azienda, a Gabriele Bosia (tel. 3392024661 - bosiagabriele@legalmail.it).