Da Borgotaro quindici verietà di frutta disidratata con il colore e l'aroma del frutto fresco

La conservazione degli alimenti è sempre stata una delle maggiori sfide per l’uomo e l’essiccazione in questo ha giocato un ruolo fondamentale, da millenni. Oggi la disidratazione può ancora essere alla base di un prodotto estremamente moderno, come proposta e concezione. Noi l’abbiamo trovata nei prodotti firmati Plume de fruit che punta a conquistare le prime colazioni d’elite (ma è capace di guardare a tutta la cucina).

Di cosa si tratta? Quindici referenze di frutta (limone, arancia, ananas, mango, pera, mela, pesca, fragole solo per citarne alcuni) croccante che in bocca mantengono in modo sorprendente l’aroma del frutto fresco. Il segreto è nel processo di disidratazione a bassa temperatura che permette di non disperdere profumi e nutrienti, che derivano direttamente da una materia prima scelta con cura. A fare la differenza, però, è anche il colore vivo della frutta che li fa diventare perfetti anche come complementi in cucina, come ingredienti in piatti gourmet (e non per forza solo dolci). L’altro utilizzo prediletto è nello yogurt per la colazione nei migliori hotel.

Versatilità, qualità e innovazione per un prodotto che nasce da un know how consolidato. L’idea infatti è di Borgolab (via Campo Fortuna, 1 - tel. 0525 921132) di Borgotaro (Pr) località che gli amanti del cibo identificheranno immediatamente con un prodotto: il fungo Igp. La storia di Borgolab inizia proprio dai porcini e dalla loro commercializzazione disidratati. Poi sono arrivati i sughi e i sottoli. Ed ora il futuro è in una Plume de fruit.