Sono stati ben 102 gli assaggi di stamane del Barbaresco 2012 che si appresta a vivere il suo momento. Che dire? L’annata si conferma discretamente buona, mentre lo spettro dei campioni presenta alti e bassi, con qualche punta che abbiamo registrato fra Barbaresco e Neive, soprattutto.

La degustazione è avvenuta come sempre alla cieca, per scoprire la sorpresa del campione di Sarotto Roberto con il “Gaia Principe” di Neive, sul podio. Alla medesima altezza, ossia al vertice, si posiziona Albino Rocca col Barbaresco “Ronchi” e poi Carlo Boffa di Barbaresco “Pajè”; a seguire i Barbaresco 2012 che abbiamo preferito ancora: Bera, Taliano Michele, Chiaro Michele, Rattalino, Ressia, Lequio Ugo, Fratelli Giacosa, Dante Rivetti, Negro Giuseppe, Fontanabianca, Cà del Baio. Novità, per noi è stato Rapalino Enzo di Treiso.
È tutto: a domani con Marco Gatti da Alba per la terza giornata di Nebbiolo Prima coi Barolo.