Oggi su Avvenire le riflessioni di Paolo Massobrio dopo la lettura dell'ultimo libro di Mario Calabresi

Nell'articolo uscito oggi su Avvenire Paolo Massobrio ha parlato dell'Arneis, un vino piemontese che, grazie alla solidarietà di sindaci e vignaioli, è riuscito ad affermarsi fino a superare la notorietà di un altro bianco, il Gavi, nelle cui terre imperavano le divisioni. Se è l'unità che porta al successo, la politica sembra orientarsi altrove. E lo dimostra l'ennesima scissione nella Sinistra, quasi che di fronte alle emergenze, al posto di mettersi insieme, ci si divida.

In questi giorni è uscito “La mattina dopo”, il nuovo libro di Mario Calabresi, già direttore di Repubblica, che descrive cosa accade dopo un cambiamento improvviso nella vita, per cui nulla sarà come prima. Mi chiedo dunque come sia la mattina dopo dei parlamentari, che sono legati a un governo che garantisce loro il posto, ma non il futuro.

La domanda che si pone Massobrio è questa: cosa penseranno di loro i vignaioli che in questi giorni stanno vendemmiando e che assistono ai cambiamenti di una politica che mette a rischio l'unità stessa del Paese? È necessario pensare al “giorno dopo”, mettersi a lavorare, cercare una pacificazione, perché occorre guardare avanti.

Per leggere l'articolo completo clicca qui