Paolo Massobrio su Avvenire riflette sulla funzione dei missionari e sull'importanza di mantenere un'apertura al mondo

Nell'articolo di Avvenire uscito oggi Paolo Massobrio ha parlato dell'importanza dell'integrazione, anche alimentare, che si realizza attraverso l’utilizzo delle materie prime dei nostri prodotti a chilometro zero per realizzare ricette di altre culture, creando così delle positive contaminazioni.

Considerando che la nostra storia è sempre stata di apertura e che ha prodotto anche economie alimentari nel mondo come quella del caffè, oggi siamo in un periodo critico poiché se verranno issati nuovi muri ne soffrirà la nostra economia.
Massobrio mette in evidenza quali sarebbero le conseguenze disastrose dell'imposizione di dazi sui nostri vini, formaggi, salumi, oli: non solo molte aziende (e quindi famiglie) entrerebbero in crisi, ma si moltiplicherebbe la produzione delle imitazioni dei nostri Grana o Prosciutto di Parma.

L'elemento che, secondo Massobrio, ha presente tutti i fattori in gioco è proprio la Chiesa, che potrebbe diventare anche un importante punto di paragone per la politica.

Per leggere l'articolo completo clicca qui