Su Avvenire di oggi Paolo Massobrio presenta due appuntamenti cui ha partecipato che hanno messo in evidenza l'importanza del legame tra società e religione

Oggi su Avvenire Paolo Massobrio ha raccontato di due eventi cui ha partecipato: uno a Imperia, città dell’olio, l’altro a Tregnago, città del vino, incontri speciali e nuovi, che hanno messo in luce la voglia di spiritualità che permea la società attuale.

A Imperia ha parlato il Vescovo di Sanremo-Ventimiglia su etica e lavoro, dando un'impronta inusuale a temi economici.
A Tregnago la mostra su Gianmaria Fumagalli che, nel 1977, a soli 17 anni, morì di leucemia, ha aperto una riflessione sui rapporti contemporanei e sul valore delle relazioni, mettendo in evidenza come l’esempio di un ragazzo semplice e tenace nella fede sia ancora attuale oggi.

Questi due appuntamenti hanno rivelato come si possa smettere di ragionare per compartimenti stagni, issando steccati psicologici fra religione e società, che producono isolamento, mentre il nostro Paese ha bisogno soprattutto di aperture e di respirare un'aria nuova.

Per leggere l'articolo completo clicca qui