La semplicità e la purezza di gusto dell'uovo

L’uovo assoluto: interessante binomio, poiché il termine assoluto che richiama l’idea di incondizionato, perfetto, compiuto in sé e per sé, non si sposa usualmente a un alimento. Eppure l’uovo assoluto è la ricetta ideata da Paolo Parisi quale esempio di genuinità e di purezza di gusto.

Per realizzarla occorrono 1 uovo, 50 ml d’olio, 25 gr di parmigiano, pepe e pane. Si deve tagliare il pane a strisce, versare l’olio extravergine in una padella di ferro da 20 cm e portarlo a 100°C. Poi togliere la padella dal fuoco e versare l’albume sull’olio caldo e, prima che diventi bianco, aggiungere il parmigiano e poi il tuorlo. A questo punto si rimette la padella sul fuoco alzando la temperatura fino a 120°C e poi si serve l’uovo ancora sfrigolante, spolverato con il pepe macinato grosso. Per assaporare al massimo questa prelibatezza Parisi consiglia di servire l’uovo direttamente con la padella e di intingervi il pane per raccogliere bene tutti gli ingredienti.

Questa semplice ricetta è stata protagonista anche di Golosaria, svoltasi a Milano dal 15 al 17 novembre, dove Paolo Parisi ha portato ben mille uova, che sono state fatte cuocere sui barbecue Weber all’insegna di un’idea di cucina sana e conviviale. Seguendo il motto “Come far tanto con poco”, partendo dai cinque elementi dell’uovo assoluto, Paolo Parisi ha messo a punto 12 ricette molto semplici ma di sicuro successo: dalla frittatina con il caffè della prima colazione alla pizza d’uovo, dall’uovo al pomodoro (la versione “in rosso” dell’uovo assoluto) a quello al baccalà, alla tortilla e al biscotto ai frutti di bosco.

Paolo Parisi, autodefinitosi “allevatore eretico” e noto al grande pubblico grazie al programma di DMAX “I re della griglia”, il primo talent italiano dedicato all'arte della griglia e del barbecue, ha creato le uova più buone mai assaggiate, che sono la materia prima d’eccezione per realizzare l’uovo assoluto e le sue varianti più sfiziose.