Nel Monferrato Astigiano Gianfranco Massimiliano Villata coltiva antiche varietà di nocciole e le trasforma in dolci eccellenze confezionate sotto vetro

Nel Monferrato Astigiano, e più precisamente nel comprensorio collinare a ridosso di Villafranca d’Asti, Monale e Castellero, un ingegnere trentacinquenne, Gianfranco Massimiliano Villata, ha voluto riproporre quel tipo di coltivazione che secoli addietro caratterizzava il territorio, ovvero la coricoltura. I terreni dell'areale in cui vive, infatti, presentano una morfologia pressochè unica, essendo formati da sabbie gialle, resti di fossili e pietre arenarie. Pensate che in geologia c'è addirittura un termine specifico - “Villafranchiano” - che identifica proprio questo particolare ambiente continentale. Ma Gianfranco è andato oltre il semplice concetto di messa a dimora delle varietà attualmente in commercio, e ha lavorato esclusivamente su antichi cloni che ha personalmente recuperato all'interno di zone boschive abbandonate e in preda all'incuria. Non parliamo, perciò, della tradizionale nocciola trilobata, ma di altre varietà dalle caratteristiche organolettiche davvero originali.
Mappa-geologica-ok.jpgE' di dieci anni fa, la nascita della sua azienda agricola certificata biologica, con annesso laboratorio agricolo di trasformazione della materia prima; tale processo avviene grazie all'attento recupero di antiche ricette codificate sul territorio, ed elaborate con metodi produttivi innovativi. Non vengono così utilizzate farine né lieviti, ma esclusivamente pura pasta di nocciola, e il confezionamento viene realizzato sotto vetro a freddo per preservare le caratteristiche organolettiche della nocciola. Inoltre, sia la fase di cottura che di tostatura vengono fatte rigorosamente in forno a legna, alimentato con legna di nocciolo.
Bric-Bordone-laboratorio.jpgE l'assaggio dei prodotti “mignon” sottovetro di Gianfranco è la sintesi al palato dell'insieme di tutte queste accortezze. A partire dalle squisite mini torte di nocciola, golose mono porzioni realizzate con il burro agricolo di Fiandino e le uove di Artuffo Agostino. Autentiche eccellenze.
Bric-Bordone-apertura.jpgAl pari dei tartufi neri e bianchi, preparati con polvere di cacao e granella di nocciola. Sublimi risultano anche le lingue di nocciola, cialde croccanti di pasta di nocciola, zucchero di canna e albume d'uovo. Ci sono anche le mini meringhe di nocciola.
Per assaporare in purezza il gusto della materia prima, non fatevi sfuggire – sempre in vasetti di vetro sottovuoto – le nocciole sgusciate e tostate dopo naturale essiccazione al sole, proposte anche glassate con zucchero di canna oppure con cioccolato bianco o nero. Oggi, accanto agli otto ettari di proprietà dedicati alla coricoltura, c'è anche un ettaro a castagneto, dai cui frutti, ne siamo certi, Gianfranco produrrà altre golose prelibatezze.

Az. Agricola Corilicola Bric Bordone

Villafranca d'Asti (At)
reg. S. Grato, 68
tel. 3881710843 - 3285994133
gianfranco.villata@libero.it