A Rognano, dalla famiglia Ricciardella, selezione delle migliori materie prime, cura dei particolari, lievitati d’eccellenza dal loro laboratorio artigianale e una cucina d’autore che si fa ricordare

I lettori più affezionati lo ricorderanno. Avevamo scritto: “Segnatevi questo indirizzo: Cascina Vittoria di Rognano (Pv), in provincia di Pavia, ma raggiungibile comodamente con poca strada da Milano (è a due passi dal casello di Binasco dell’autostrada A7). È uno di quei locali che un goloso, un gourmet, chi si intende di cose buone, non può non appuntarsi tra i più preziosi. È un baluardo del gusto da cui si esce in un solo modo: felici.
Avevano iniziato da pochi mesi, quando gli dedicavamo questa recensione.  Ma che la famiglia Ricciardella, ovvero papà Giuseppe e mamma Vittoria, e i quattro figli, Marco, sommelier, Giovanni, chef “Giò”, Alessandro, alla brace e Simone, fosse ai primi passi di un’avventura straordinaria, lo dicevano in modo evidente quella serietà nel proporre il meglio e quella passione nel lavoro, che ci aveva fatto dire “rasentano la follia. Usando la definizione cara a Luigi Veronelli, sono veri angeli matti”.
rognano-famiglia.jpgProseguendo il loro percorso, hanno conquistato la nostra Corona. Anche quest’anno siamo tornati e la sorpresa è stata trovare questa famiglia, non solo non appagata di quello che ha fatto, ma al lavoro, per migliorarsi sempre, pur essendo già eccellenza! Entrando dal grande cancello, non vi sarà difficile capire perché qui le  materie prime sono eccezionali, visto che intorno a voi vedrete orti e frutteti di proprietà da cui arrivano verdure e frutti secondo la stagione. Con le farine Petra® del sommo Molino Quaglia è preparata la pizza contemporanea che è tra i piatti del menu, e son preparati pane, focacce e grissini fatti in casa quotidianamente, e che saranno vera tentazione quando li avrete in tavola. Tutti gli ingredienti mancanti, sono di artigiani fuoriclasse dell’agroalimentare italiano e campioni del nostro Golosario

Le due sale, quella a piano terra e quella con il camino cui si accede dalla scala, sono due gioielli di charme, e sono state rese ancora più belle con i lavori degli scorsi mesi, e vi accolgono con i tavoli alla giusta distanza apparecchiati in modo impeccabile.
rognano-sala.jpgLa cucina era ed è uno spettacolo, e si propone con piatti che esprimono la crescita continua di quel vero talento che è Giovanni Ricciardella, per tutti chef “Giò”, con creazioni che sono sintesi felice e luminosa di profumi e sapori autentici, valorizzati da una inesauribile creatività. Cosa gusterete? 
Tra gli antipasti (15 - 18 euro) è presenza fissa in menu perché “preteso” dai golosi, la millefoglie di melanzana e le tre consistenze del Parmigiano: caldo, freddo e croccante. È il “Piatto firma dello Chef”! In alternativa provate il geniale L'orto in tavola e gel di agrumi (tutto il raccolto del giorno crudo e marinato)
rognano-antipasto.jpg
Tra i primi (18 euro), pasta, con un piatto che vale il viaggio, ossia lo spaghetto grosso di grano duro mantecato al burro belga, colatura di alici di Cetara e peperone crusco. Riso, con il Risotto “Riso Buono” prosciutto crudo e melone. Se siete buone forchette assaggiate anche i Plin alla milanese....”Omaggio a Milano”, piatto 1° classificato festival degli Chef 2019 e già applaudito a scena aperta a Ristorante d’Autore di Vinitaly. 
rognano-spaghetti.jpgSecondo (16 - 28 euro )? Dalla brace potrete avere i migliori tagli. Tra i piatti Germano, petto caramellato e scalogni fondenti. O midollo di vitella Piemontese, cotto lentamente nel forno a legna, erbe aromatiche e sale.
rognano-secondo_pesce.jpg
Dessert (9 euro)? Un nota bene. Qui, nel loro continuo evolversi, hanno creato negli spazi della grande Cascina, un laboratorio artigianale dove, con farina Petra del Mulino Quaglia, viene prodotto il tipico Panettone milanese, secondo la classica ricetta, con lievito madre con più di 100 anni di età, frutta di stagione candita, burro di qualità superiore belga, tuorli d’uova fresche a chilometro zero e miele millefiori naturale centrifugato a freddo. 
Per questo motivo, il dolce finale potrà essere (e ne vale la pena) o il Lievitato alla frutta fresca, prodotto con pasta madre, tante ore di riposo, servito con crema fresca o Pastiera Napoletana 2020.
Coccole finali con superbi macaron e un caffè all’altezza del livello di tutto il pranzo.
rognano-macaron.jpgUscirete, come scrivevamo la prima volta, felici! Cascina Vittoria è simbolo della laboriosità e del genio italiano! È un’eccellenza!

Cascina Vittoria

via Roma, 26
Rognano (Pv)
tel. 0382923772