La Chiocciola, la trattoria "moderna" a Quartiere di Portomaggiore

È una di quelle mete che da tempo stanno in agenda, pronte da raggiungere: l’ottima nomea, amici e conoscenti che ne parlano come di un luogo da conoscere, una cucina che sa unire la semplicità dell’espressione alla tecnica, il rispetto del territorio non dogmatico, godimento ed eleganza. Non da meno la tendenza a mettere d’accordo sul vino, con una cantina di rango, tanto gli appassionati di etichette convenzionali quanto i ricercatori del naturale. E poi ci sono Athos Migliari, la mamma Franca che sa cosa vuol dire realizzare un perfetto risotto con le rane e la sua famiglia allargata, con la giovanissima - ma già nota agli appassionati - Angelica Lodi che lo affianca in cucina insieme a Filippo Venturi, bravi a lavorare la materia prima come fosse un gioiello, capaci di maneggiarla senza svilirne provenienza e freschezza, si tratti di novellame o di un’anguilla della vicina Comacchio, di salumi locali o carni nobili.

La sala vede protagonisti Arianna, moglie di Adalberto (si chiama così, Athos) e il padre di lui Ido, un signore d’altri tempi, decano tra i sommelier della provincia di Ferrara. A proposito di sala, qui non è cambiato nulla, perché  già si trattava di un luogo dagli ampi spazi con i suoi tavoli rotondi. 
sala.jpgIn cucina vige la regola dell’offerta del mercato ittico e la vicinanza con il mare rende giustizia a questa scelta. Dopo un benvenuto a preparare il palato, accompagnato da una bollicina del territorio, ecco la terrina di anguilla con cipolla all’agro di lamponi, pesto di olive taggiasche e capperi e pâtè del suo fegato (euro 15), leccornia burrosa e insieme delicata che sprigiona potenza alle delicate carni per poi finire rinfrescata dalla cipolla. 
La seppia nera grigliata con crema di piselli è talmente morbida da sciogliersi in bocca,
seppie.jpgquindi arriva il capriolo “cotto al rosa” con ciliegie, terra di cioccolato e formaggio di capra (euro 18). 
portomaggiore-capriolo.jpgTentazioni fortissima sia la salama da sugo sia le lumache, così come le scaloppe di fegato grasso d’oca, ma saranno di certo un motivo per farsi rivedere. 
Tra i primi c’è l’imbarazzo della scelta anche se il risotto con la rane (euro 15) è imprescindibile per piacevolezza e perfezione di cottura, perché trovare le coscette ancora integre non è per nulla scontato!
risotto.jpgE ancora i tortelli di ricotta e borragine al sugo bianco di rombo (euro 15), delizia di mare e terra con la loro pasta ben salda e morbida e la perfetta armonia del ripieno. 
ravioli.jpgBocconi lenti per sublimare il sapore, ecco che ultimo e apprezzato piatto sono i calamaretti spillo fritti in tempura con fiori di zucchina (euro 20): indimenticabili, come tutto il resto, lasciano viva la voglia di tornare. 
fritto.jpg

La Chiocciola 

via Runco 94/f
Quartiere di Portomaggiore (FE) 
tel. 0532 329151
www.locandalachiocciola.it
Chiuso domenica sera e lunedì 
Luglio e Agosto anche domenica a pranzo