In Calabria, una cantina capace di coniugare tre secoli di esperienza e cultura della terra e la nuova passione per il vino

Una cantina giovane poco nota. Che siamo certi, nota, lo diventerà, eccome. Poderi Marini (tel. 0984947868) di San Demetrio Corone (Cs) è realtà giovane, per quanto attiene il vino, visto che a produrre i Marini hanno iniziato da poco più di dieci anni. Pluricentenaria, in verità, la sua storia, visto che i secoli di storia alle spalle sono tre. E visto che la famiglia ha un rapporto con la terra secolare, considerato che gli inizi furono trecento anni fa con la coltivazione dell’ulivo e la produzione di olio.

Oggi che la tenuta è di circa 300 ettari, 130 sono ancora a orientamento olivicolo. 35 ettari sono destinati alla produzione di Clementine di Calabria. 7 ettari, dal 2003 (quando venne costruita una cantina moderna) sono a vigneto, in terreni collinari, argillosi, a circa 500 m slm. Con vitigni come gli autoctoni Aglianico e Magliocco e gli internazionali Cabernet Sauvignon, Merlot, per i rossi, e Chardonnay e Sauvignon per i bianchi. Qui han sposato la filosofia del naturale, con agricoltura biologica. Il sistema di allevamento adottato è il cordone speronato e la densità delle viti è di 5.200 viti/ha con produzioni mai superiori a 60 q/ha.

Tra i vini prodotti ci hanno conquistato il Koronè, rosso da uve sangiovese, merlot e cabernet sauvignon, dal colore purpureo, dal naso floreale con note di viola, e fruttato, con sentori di ciliegia, lampone, frutti di bosco, che al palato è caldo, di grande struttura e tannico, con retrogusto fumè e lunga persistenza. Ideale con piatti di carne, in particolare agnello. E il Basileus, per noi la vera sorpresa. Da uve magliocco in purezza, ha colore rosso rubino luminoso, brillante, profumi intensi di fragola e ciliegia, sentori speziati tra cui spicca la cannella, nota di cioccolato, sorso caldo ma di giusta acidità, retrogusto piacevolmente amarognolo e fruttato, persistenza. Si abbina a zuppe e secondi di carne. Che bel magliocco!