È una ricetta tipica pasquale del ragusano, si tratta di un pasticcio salato costituito da un impasto a base di carne d’agnello racchiuso in un involucro di pasta a forma di piccolo timballo. In altri periodi dell’anno si preparano anche con pesce o altri tipi di carne. Sono di origine araba tant’è che preparazioni analoghe si trovano sia in Medio Oriente che in Nord Africa. Ricordano i “sanbusak” iracheni (anche se questi sono molto speziati) e i “pasteles” turchi. Questi ultimi, secondo alcuni storici potrebbero essere stati portati in Turchia dalla Spagna ad opera degli ebrei sefarditi. Ma chissà se in Spagna le “empanadas” galiziane erano state portate dagli arabi?

Ingredienti

  • • 400 g di semola rimacinata di grano duro
    • 120 g di strutto
    • 250 g di carne macinata di agnello
    • 200 g di interiora di agnello
    • 1 spicchio d’aglio
    • 1 uovo
    • 1/2 limone
    • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
    • 2-3 cucchiai di formaggio Ragusano o Caciocavallo
    • olio extravergine di oliva
    • sale e pepe

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

antipasti

ESECUZIONE

difficile

PREPARAZIONE

50 min

COTTURA

50 min

PREPARAZIONE

Impastate la farina con lo strutto, due pizzichi di sale e circa un bicchiere di acqua tiepida fino a ottenere un impasto piuttosto consistente, liscio e vellutato; mettetelo sotto una ciotola capovolta e fatelo riposare per circa un’ora. In alternativa a questo tipo di pasta, potete incorporare 80 g di strutto a 500 g di pasta di pane già lievitata e farla riposare per circa 40 minuti.

Sbollentate le interiora di agnello per 2-3 minuti quindi scolatele e tritatele. Scaldate 3 cucchiai di olio in un tegame con l’aglio tritato, aggiungete carne e interiora macinate e fatele rosolare, mescolando. Aggiungete alcune gocce di limone, salate, pepate e cuocete per una decina di minuti a fuoco dolce. Quando il composto sarà freddo, unite l’uovo, il prezzemolo e il formaggio grattugiato e amalgamate.

Stendete la pasta sottile (3 mm circa) con il matterello e ricavate tanti dischetti di circa 12 cm di diametro. Ponete al centro di ogni disco di pasta una “polpetta” di ripieno e chiudete a forma di secchiello a tronco di cono pizzicando i bordi della pasta. La parte superiore dovrà rimanere leggermente aperta. Cuocete in forno a 180°C per 25-30 minuti. Servite caldi o tiepidi. Si mangiano anche freddi.