Oltre il Noma (appena riaperto) e i tanti ristoranti gourmet, esiste una cucina tradizionale danese. Che gode di ottima salute.

L’antico maiale fritto, il pesce affumicato, ma anche interpretazioni di sushi che conciliano l’alimentazione nordica con l’Oriente. Un viaggio in Danimarca è l’occasione per scoprire una cucina che non ti aspetti e che ha saputo dare una sferzata di novità a tutta la gastronomia europea (Redzepi docet). Ecco i cinque piatti da non perdere a Copenaghen e dintorni:

Stegt flæsk med persillesovs ovvero il maiale croccante con salsa al prezzemolo è il piatto nazionale danese, votato anche a larga maggioranza in un sondaggio tra 60mila danesi. Si tratta di un piatto antico a base di carne di maiale che un tempo veniva fritta e oggi è nella maggior parte dei casi passata in forno e servita con pancetta e patate. È così diffuso che in Danimarca qualche ristorante lo propone anche con la formula all you can eat.

• Smørrebrød: a metà mattina, per pranzo, spezzafame del pomeriggio o anche a cena. Ogni ora è buona per lo smørrebrød, il tipico sandwich aperto che ha due ingredienti base: il pane di segale (come base) e la fantasia. La farcitura infatti spazia dalle aringhe alle salsicce, dalle uova al paté. Per dare un’idea delle varianti basta guardare la lista del ristorante specializzato in smørrebrød più famoso di Copenaghen: è lungo 140 centimetri.

Hot Dog: i danesi sono dei veri e propri appassionati di questo street food e non è raro incontrare lungo le strade di Copenaghen i pølsevogn ovvero i classici chioschi (si dice chi il migliore sia quello sotto la torre rotonda) dov’è possibile anche personalizzare il proprio panino, a partire dalla tipologia del pane per poi passare alle salse e al tipo di wurstel.

I Danesi: il nome completo è Danish Butter Cookies ovvero biscotti danesi al burro e tutti noi li ricordiamo nelle classiche scatole di latta, friabili, dolci e naturalmente burrosi. Sono tra i biscotti più commercializzati al mondo e sono diffusi in ogni forma e tipologia, con cannella, miele e marzapane. Da non confondere con le paste per la prima colazione, celebri all’estero come danesi, ma nate in realtà nell’Ottocento per opera di pasticceri viennesi (infatti in Danimarca sono chiamate Viennesi) e molto simili ai croissant.

Pesce affumicato: c’è un luogo su tutti che è un vero e proprio campione di pesce affumicato, l’isola di Bornholm. A poco più di mezzora di aereo da Copenaghen, questa meravigliosa isola offre aringhe, sgombri e salmoni affumicati nei tradizionali affumicatoi (ci sono oltre cinquanta diversi produttori). C’è anche un concorso che prende il nome dal piatto più famoso dell’isola: Sol Over Gudhjem ovvero aringa affumicata, tuorlo d’uovo crudo, erba cipollina e pane di segale.

E per accompagnare? Birra naturalmente, visto che la Danimarca può vantare una miriade di birrifici e altrettante craft come la celebre Mikkeller che – si dice – in poco più di un decennio abbia ideato quasi mille diverse birre.

Non perdere l’occasione di scoprire i piatti tradizionali della Danimarca con MSC Crociere. Scopri sul sito www.msccrociere.it l’ampia offerta di itinerari per esplorare e vivere un’indimenticabile vacanza nel Nord Europa.

Immagini: database visitdenmark http://visitdenmark.digizuite.dk/