In vista del prossimo Congresso sul Pane Petra Molino Quaglia ha lanciato il manifesto del pane artigianale

L'Università della Farina®, il primo, e ad oggi unico, percorso di formazione sulla farina, ideato e lanciato nel 2019 dal Laboratorio®, la scuola di Petra Molino Quaglia, in vista del prossimo Congresso sul Pane, che si svolgerà online, ha lanciato una petizione per stimolare agricoltori a panettieri a produrrei grani e pani di migliore qualità. Da sempre, Petra, infatti, pone al centro della sua attività, la ricerca costante della qualità a 360° a tutela dei consumatori, e dei principi etici fondamentali.

Il nuovo manifesto del pane artigianale, dal titolo perentorio "Stop! Chiediamo a contadini e panettieri grani e pani che migliorano ambiente e salute.”, è stato redatto con 10 parole chiave ricche di preziosi insegnamenti e valori:

1. FILIERA Il pane artigianale è il risultato finale del lavoro di squadra lungo filiere agroalimentari fondate sulla rotazione delle colture.

2. CLIMA La scelta del grano per il pane deve superare le frontiere regionali, secondo le condizioni meteorologiche dalla semina al raccolto.

3. BIODIVERSITÀ Il valore di un territorio, in termini di qualità stabile del raccolto, è legato alla biodiversità delle semine, in risposta alle variazioni climatiche, avvicinando gli agricoltori alla natura con tecniche colturali partecipative ed evolutive.

4. SOSTENIBILITÀ Il prezzo del pane deve trasferire il giusto guadagno a tutti gli attori della filiera, in particolare garantendo agli agricoltori le risorse economiche da investire nella salute dei terreni e dei raccolti.

5. RISPETTO Il rispetto della salute delle persone passa attraverso il rispetto verso l’ambiente, la conoscenza delle dinamiche climatiche e la messa in atto di contromisure naturali basate sulla sopravvivenza dei semi più resilienti.

6. INTEGRALE La forza nutrizionale del grano è distribuita in tutte le frazioni del chicco e la farina deve contenerne il più possibile, nel rispetto dei limiti di legge.

7. VITALITÀ Farine ricche di fibre impastate con lievito madre vivo contribuiscono all’equilibrio del microbiota intestinale, rafforzano il sistema immunitario e facilitano la digestione dei carboidrati.

8. NATURALITÀ Il pane buono e sano nasce da grani di alta qualità panificabile, macinati in pressoché totale sicurezza alimentare, utilizzando tecnologie capaci di restituire farine pulite, nutrienti e gustose, realizzate per una panificazione totalmente naturale.

9. DURATA Lo spreco e l’abuso del pane si eliminano se la sua bontà dura più giorni, privilegiando formati grandi e impasti di farine ricche di fibre e lievito madre vivo.

10. ESSENZIALITÀ Il pane artigianale deve essere essenziale, cioè sintesi utile della sensibilità per l’ambiente e per la salute dell’uomo.

Paolo Massobrio e Marco Gatti l’hanno già firmata e a seguire i delegati e i soci del Club di Papillon. Fatelo anche voi! Clicca qui per firmare la petizione che potrai condividere se e come riterrai.