La rassegna stampa con le news più curiose dall'Italia e dal mondo

Somari poco intelligenti, coccodrilli che piangono e oche stupide. Gli animali solo utilizzati spesso in modi di dire e luoghi comuni, ma il più delle volte si tratta di fake news. Lo spiega sul Giornale Massimo Veronese, che sfata tutti (o quasi) i falsi miti faunistici. Così si scopre che l’asino non è per nulla ignorante ma anzi, sensibile e intelligente, solo un po’ introverso; il coniglio non è pauroso, ma cattivissimo e, se messo all’angolo, “i suoi incisivi sono peggio di quelli del Conte Dracula”. E che dire dei pesci? Non sono sani, ma delicatissimi e molto sensibili ai cambi di temperatura. @ Intanto, ha fatto sorridere una recente scoperta arrivata dal Parco del Pleistocene di Mosca, dove un gruppo di scienziati americani ha trovato in profondità nel permafrost una serie di vermi ibernati dal Pleistocene che, una volta scongelatisi, hanno ripreso a muoversi e mangiare. Una sorpresa destinata a far discutere, non solo per il fatto curioso in sé, ma soprattutto per le informazioni sulla crioconservazione che questi organismi potrebbero fornire. (Il Giornale)

 

siti_vino_contraffatto.jpg

 

La task force del consorzio Valpolicella e del Ministero delle Politiche Agricole ha già individuato e diffidato 115 siti con vino contraffatto. Si tratta di operatori di Canada, Usa e Inghilterra che commercializzano falso Amarone. @ Magnate argentino costruisce una cantina avveneristica nella vecchia cava di arenaria di Bolgheri. Si tratta del petroliere Alejandro Bulgheroni che in Toscana ha già proprietà per oltre 120 milioni di euro e che investirà 15 milioni di euro in questo nuovo progetto di recupero. (Repubblica) @ In Italia i menu vennero introdotti dalla corte dei Savoia: si deve alle cucine sabaude l’introduzione del cartoncino con le diverse portate che si diffonderà a partire dall’Unità d’Italia (Corriere della Sera)

 

 

alla tavola del re.jpg

 

I tortelli alla piacentina di mia madre erano il sapore della domenica”. Giorgio Armani, il re della moda (e anche della ristorazione ndr) su Repubblica racconta a Licia Granello la sua filosofia sulla tavola. “Amo la cucina genuina e ho voluto farne un modello nei miei 25 ristoranti (…) Non mi piacciono le mode passeggere in cucina, mentre apprezzo il tocco originale che può innovare un piatto classico senza stravolgerlo. E poi il piacere delle tavole ben apparecchiate, le presentazioni curate, senza eccessi”. (In pieno stile Armani) @ Tutti amano l’avocado. Se è vero che fino al secolo scorso l’avocado era praticamente introvabile, oggi si conferma uno dei superfood più apprezzati, con il trend di crescita più alto del 2017 (le vendite sono aumentate del +78%) e locali specializzati in tutta Italia. L’affondo di Nicola Baroni su Repubblica. @ Buone notizie dal mar Ligure, dove sono stati avvistati diversi esemplari di Patella ferruginea, un mollusco a rischio estinzione considerato praticamente scomparso dalle coste continentali italiane. “Il ritrovamento di esemplari di questa specie - spiega Giorgio Fanciulli, direttore dell’Amo Portofino - è frutto delle attività previste dal progetto Relife”, impegnato nella salvaguardia e ripopolamento dei mari. (La Stampa) @ RUBRICHE: Nell’inserto Tuttigusti de La Stampa Paolo Massobrio racconta il brut che nasce nelle botti sospese in cielo della Cave Mont Blanc de Morgex et de La Salle. @ Il bertender Bruno Vanzan spiega la storia dell’Aviation, un grande classico ispirato al volo. @ Doctor Chef Federico Francesco Ferrero difende “l’anima del mercato uccisa dai mercati”, mentre Edoardo Raspelli recensice i piatti del ristorante Claudio di Bergeggi.