Su Avvenire Paolo Massobrio riflette sulle riaperture tiepide dei locali, ma anche sugli esempi di chi ha buttato il cuore oltre l'ostacolo

Oggi su Avvenire Paolo Massobrio ha parlato della ripartenza che non ha visto l’assalto ai dehors di bar e ristoranti che si paventava dal 26 aprile. Anche perché il virus circola ancora, così come circolano notizie di vario tipo: ci si contagia coi pos, col bancomat e persino con la macchinetta del caffè. Qual è la verità? - su chiede Massobrio - Sicuramente non si può restare inattivi, demandando tutto al Governo. Occorre poi responsabilità personale, che significa sanificare, usare le mascherine ed evitare assembramenti.

Solo così - nota Massobrio - si potrà pensare a una vera ripartenza, che comunque qualche segnale in questi giorni li sta dando, anche con le iniziative dei grandi chef in Lombardia: Carlo Cracco, Diego Rossi e Davide Oldani. E questi esempi rappresentano anche un atto di responsabilità verso i dipendenti, verso i clienti e verso l'intera società, che necessita di ordine.

 

Per leggere l’articolo completo clicca qui.