Superbi quelli preparati dal Re del Tortellino

Come nasce il famoso Tortellino di Valeggio? È una storia da raccontare, che arriva dritto alla leggenda. Si narra infatti che nel '300, il valoroso Malco, capitano delle armate di Giangaleazzo Visconti, si innamorò di Silvia, una bellissima ninfa apparsa dal fiume Mincio. Per realizzare il loro amore, i due amanti scomparvero nel fiume e lasciarono sulla sponda un fazzoletto di seta dorata simbolicamente annodato per ricordare la loro storia. Da allora, le donne di Valeggio, nei giorni di festa, sono solite tirare una pasta sottile cone la seta, tagliata e annodata come il fazzoletto d'oro, arricchita al suo interno di un delicato ripieno. Insomma, è il Tortellino di Valeggio. Che sia storia o leggenda, poco importa. Quel che è certo è che questa pasta ripiena sia buonissima, quando preparata come si deve.

È il caso del Pastificio Al Re del Tortellino (via San Rocco, 25 - tel. 0457950523), premiato nel 2010 tra le migliori Botteghe della pasta fresca del Golosario. Abbiamo avuto modo di riassaggiare il loro prodotto recentemente, a Golosaria Riccione, dove hanno portato i loro tortellini, tutti fatti a mano, assieme ai tortelli di Cipolle di Tropea e Monte Veronese d'Allevo e al tortello di zucca. È stato un grande successo. Nel loro pastificio troverete anche crespelle, pasta al forno (pasticcio, cannelloni, timballi, bocconcini), piatti da gastronomia e torte sia salate che dolci. Tra i salumi che hanno in assortimento, spiccano il salame mantovano, la coppa nostrana e la soppressa veneta, mentre per gli amanti dei dolci, differenti tipi di torte come quella alle rose, zaletti e dolci di Carnevale. È una bottega imperdibile, dai sapori unici. Bravi!