Denunciato dai carabinieri di Brindisi il “principe del Montenegro” che, nel suo passato di giornalista enogastronomico teorizzava non si dovesse pagare il conto

Già nel 2013 Il Fatto Alimentare aveva scandagliato la vicenda che aveva visto il presunto “principe di Montenegro”, Stephan Cernetic (ai tempi nel ruolo di direttore del Gotha del Gusto, da lui fondato), chiedere a un ristoratore 50 euro per una recensione su TripAdvisor (ecco il link). Allora protagonista della denuncia è stato un ristoratore di Bagno Vignoni (Siena) che aveva filmato la proposta di Cernetic e chiamato le forze dell’ordine.

Oggi - la notizia è riportata sulla Stampa on line - il Principe di Montenegro c’è ricascato ed è stato denunciato dai carabinieri pugliesi. Il principe Stefano del Montenegro si sarebbe presentato a bordo di una Mercedes con tanto di bandierine del Montenegro in un resort di lusso pugliese. Dopo aver incontrato personalità locali insieme al suo accompagnatore/ambasciatore e aver pernottato senza pagare dal 5 al 31 luglio 2016, il Principe è stato denunciato per “falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità personale o su qualità personali proprie o di altri; possesso e fabbricazione di documenti di identità falsi”. Triestino di nascita e residente a Torino, il principe che sul suo sito si definisce “Sua Altezza Imperiale e Reale in quanto discendente di S. Costantino il Grande e degli Imperatori di Costantinopoli” pare non avesse i suddetti gradi di nobiltà. Tuttavia nella sua carriera è riuscito a incontrare qualche personalità di spicco (tra cui principi autentici) e Vip a cui avrebbe anche offerto cavalierati e titoli nobiliari. Celebre nel 2015 la concessione a Pamela Anderson del titolo di contessa dei Gigli, ripreso persino dal Daily Mail. (La notizia è tratta da La Stampa on line)