Enrico Pescatore, un produttore che ha saputo valorizzare profumi e sapori della costa calabrese che si affaccia sullo stretto.

Siamo sotto sotto il Castello di Scilla, alle falde della mitologica “rocca” di omerica memoria. Ed è qui che il giovane Enrico Pescatore, ha deciso di affiancare allo storico “Zanzibar” il suo nuovo laboratorio di “dolcezze scillesi”, che si chiama Le delizie del Castello (Zanzibar in Via Spirito Santo, 1 - Palazzo Ruffo - Scilla (Rc) - tel. 3393327235) ristrutturando le antiche scuderie del ‘700 appartenute ai Ruffo di Calabria. Già famoso per i suoi gelati e le sue granite dai gusti prettamente “identitari”, Enrico ha deciso di valorizzare ancora di più uno dei prodotti emblematici della Costa Viola reggina, caratterizzata dai famosi vigneti e limonaie, terrazzati con i secolari muri a secco, ove si coltiva ancora l’antico limone “Sfusato di Favazzìna”. Un limone caratteristico e dalle proprietà organolettiche eccezionali, coltivato da eroici contadini tra i giardini di pietra di Scilla (con la frazione di Favazzìna) e di Bagnara Calabra, il paese del torrone.

Proprio per stimolare il recupero di un’antica produzione, anche per tutelare e salvare il fragile territorio terrazzato, Enrico produce il limoncello di Scilla ottenuto con il limone "Sfusato di Favazzina” e la marmellata extra di limone Sfusato di Favazzìna. Due prodotti eccezionali, che hanno un’intensità unica. A questi, Le Delizie del Castello affianca l’Arancello dello Stretto e il Finocchietto della Costa Viola, due chicche di forte identità territoriale. Dunque “tris” di profumi (e sapori) che raccontano la storia del territorio con l’artigianalità di un tempo.