A San Valentino, dite ti voglio bene con un Passito dall'anima infinita

Ditelo con un fiore. Oppure con una cena romantica o con un regalo, anche piccolo, ma che sapete sarà apprezzato come nessun'altra cosa. Se non siete astemi, però, scegliete quello che volete, ma non mancate di dire ti voglio bene con un vino. Quale? Le bollicine non possono non esserci, a voi il piacere di stappare Franciacorta, Oltrepò Pavese, Trento o resto d'Italia, spaziando tra le diverse espressioni di spumanti da autoctono. Rossi e bianchi, saranno i compagni immancabili di momenti romantici a tavola.

Se però pensate a un incontro tete a tete, procuratevi I Capitelli di Anselmi! Roberto Anselmi è persona a cui Italia e Veneto del vino devono molto. Ha subito un’alluvione e nemmeno quella tragedia lo ha fermato. Quest'anno era tra i 21 campioni del vino che abbiamo premiato a Golosaria per il loro essere cantine simbolo del Golosario. Il suo vino bandiera, è il vino che vi suggeriamo per San Valentino è I Capitelli, che non è esagerato definire tra i più buoni d’Italia, sorta di alter ego dei migliori Sauternes. Giallo oro, al naso ha profumi elegantissimi di albicocca, miele, zafferano, arancia candita, mentre al palato è un velluto, con sorso dal perfetto equilibrio, dolce ma non stucchevole, armonico e di lunghissima persistenza. È vino dell'amore!