L'agronomo e assaggiatore ONAV ci racconta il lavoro svolto per valorizzare le tipicità agricole calabresi

Rosario Previtera, agronomo, assaggiatore ONAV ed esperto di sviluppo locale, ama stimolare la cooperazione rurale nei territori più difficili. Da “evangelista dell’agricoltura” così come qualcuno lo definisce, ha all’attivo centinaia tra pubblicazioni, convegni, incontri, assemblee tematiche. Da più di quindici anni è impegnato nella consulenza e progettazione integrata per conto di enti pubblici (comuni, comunità montane, province, GAL e GAC, regioni) e per le filiere agroalimentari, avendo come obiettivo ciò che chiama l’ ”agricentrismo”: in ogni filiera ed in ogni attività di marketing territoriale che pone a sistema, la componente agricola di base deve essere quella principale ovvero quella più valorizzata e remunerata.

Tra le numerose iniziative condotte e promosse vi è la rinascita del fragile territorio terrazzato della “Costa Viola” reggina tramite la creazione di “Armacìa-il vino dei terrazzamenti” e il ripristino dei tipici muri a secco o “armacìe”, è il divulgatore e costitutore delle produzioni De.Co. (Denominazione Comunale) in Calabria, intese come produzioni reali e commercializzabili (tra le tante: il Pane di Cerchiara, i Fagioli, la Seta e la Graffiola di Cortale, la Prugna di Terranova, la Patata di S. Eufemia d’Aspromonte, lo Stocco, il Torrone ferro, la Biondina e le “Olive ammòdu” di Cittanova, le Arance di San Giuseppe e l’Annona di Reggio Calabria, la Culatta e la Ricotta affumicata di Mammola), ha ideato e promosso i principali brand della Provincia di Reggio Calabria volti a valorizzare i prodotti identitari tra cui “Reggio Calabria, provincia enoica”, “Reggio Calabria e l’olio dei Giganti”, “Reggio Calabria, la provincia buona e bella – Paesaggi ricchi di sapore” nonché ha operato per l’istituzione della “Piccola Enoteca Provinciale” presso l’Aeroporto dello Stretto di Reggio Calabria, del marchio collettivo “I Prodotti del Parco Nazionale dell’Aspromonte” e del marchio d’area e del paniere “Tyrrenico” per il GAL Batir, dell’iniziativa “Wine Theatre – Il teatro del vino” .

La sua nuova sfida, questa volta di livello nazionale a partire dalla Calabria, è l’innovativa filiera multiregionale del GOJI ITALIANO con la Rete di Imprese “LYKION”: le preziose bacche fresche di Goji esclusivamente coltivate in Italia e tutti i derivati senza conservanti e biologici (bacche disidratate, succo, confetture, infusi, ecc), ottenuti per regalare benessere, salute ed energia “made in Italy”. Il Goji Italiano è un vero e proprio “pieno di antiossidanti”, presentato in anteprima a Golosaria Milano 2015, è stato inserito a pieno titolo nella Dieta Mediterranea di Riferimento in occasione dell’EXPO 2015.

info@previtera.net

info@gojiitaliano.com