L'Italia nel complesso comunque si migliora

Massimo Bottura perde lo scettro della 50 Best Restaurant, la classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo sponsorizzata da San Pellegrino (che - recentemente - è finita anche sotto i riflettori della trasmissione Report). A superarlo l’Eleven Madison Park di New York, dello chef svizzero Daniel Humm. Al terzo posto l’altro grande protagonista della ristorazione dell’ultimo decennio: El Celler de Can Roca.

Per gli italiani comunque un’annata da non buttare: salgono infatti di due posizioni il Piazza Duomo di Alba, di dieci Le Calandre ed entra tra i primi cinquanta anche il Reale. Ma a guardare a fondo la classifica si nota che l’epicentro della cucina si sta spostando dall’Europa al continente americano (tra i primi 10 ci sono infatti anche il Central e il Madò peruviani e tra i primi 20 altri due statunitensi) passando per la Spagna (che comunque piazza tre ristoranti alle prime dieci posizioni).

Intanto appaiono sempre più lontani i tempi in cui era l’Europa del Nord a dettare legge (per trovare un danese bisogna scendere al 19° posto) e arranca anche la Francia, a un passo dal podio (4° il Mirazur, unico tra i primi dieci in classifica). 

(Nella foto un'immagine tratta dalle premiazioni dello scorso anno)