Il massimo della qualità a Biella in una delle più ricche boutique del gusto

I negozi storici fanno parte del patrimonio artistico e culturale di una città. La Macelleria Mosca (via San Filippo, 16 - tel. 01523181) è la dimostrazione di questa tesi.

Viene fondata a Biella nel 1916 da Ermenegildo Mosca, cambia sede e assume una nuova conformazione nel 1992 e oggi, con la quarta generazione al timone, si è affermata come uno dei migliori esempi italiani di boutique del gusto. Per Il Golosario, è fra le 10 boutique del gusto d’Italia per intenderci e il suo banco sembra non finire mai: ci sono i tagli di carne bovina Piemontese che il patron va a ricercare nell’Astigiano, ogni giovedì che Dio manda in terra, e i salumi del territorio (tra cui la mitica Paletta) su cui hanno costruito la loro storia. Poi ci sono i formaggi delle montagne circostanti (qui nasce il Maccagno), una serie di piatti di gastronomia (eccezionali, provati ieri sera) e un assortimento di prodotti costruito in un lavoro decennale di selezione e conoscenza dei produttori (c’è quasi tutto il meglio del Golosario, dalla pasta Martelli ai sughi pugliesi).

Ma c’è soprattutto la professionalità di una famiglia, che è fatto di conoscenze tramandate da generazioni, e che noi abbiamo voluto premiare nel 2008 a Golosaria  fra le migliori boutique del gusto italiane. Un premio riconfermato anche nell’ultima visita di ieri, per festeggiare i 100 anni di questa attività.

La famiglia Mosca ha voluto lasciare anche un regalo a Biella: l’opera Aquamantio di Daniele Basso che rappresenta un insieme di molecole d’acqua, realizzate in acciaio lucidato a mano. Questa è stata posizionata in piazza Curiel di fronte alla nuova Biblioteca Civica con alle spalle il Piazzo. L’ispirazione - spiega l’artista - nasce da uno dei tratti peculiari di Biella, il rapporto con l’acqua. "Un simbolo che nell'acqua, elemento cardine nella storia dello sviluppo economico e sociale del biellese - spiega Basso - sperimenta in modo tangibile l'unione tra Territorio, Sapere Umano (medico, scientifico, umanistico) e Cultura anche dell'Alimentazione”.   

E se poi pensiamo che a pochi chilometri sgorga anche l’acqua più leggera d’Europa, la Lauretana, il viaggio a Biella diventa quasi una necessità.  
Tanti auguri famiglia Mosca!