Per la prima vacanza dell’anno, ecco i dieci migliori agriturismi secondo il Gatti Massobrio. Taccuino dei ristoranti d’Italia.

Primo Fiore
loc. Festa, 6
Brentonico (Tn)
tel. 0464395847
È il regno di Orazio Schelfi, che nasce come malgaro e con la sua passione è riuscito a salvare un formaggio che porta il nome di Primo Fiore del Monte Baldo. Oggi accanto al suo caseificio, proprio là dove c'era un ciliegio dove andava a giocare fin da bambino, ha costruito un'azienda agrituristica con sette camere in legno, il piccolo museo, la sala conferenze e la sala da pranzo. La cucina è tradizionale, con pizzoccheri, orzotto e il formaggio prodotto da lui (assolutamente da provare).

La Capuccina
loc. Capuccina - via Novara, 19/b
Cureggio (No)
tel. 0322839930
Gianluca Zanetta è il vulcanico patròn di questo agriturismo, che vale per tutto: le camere (9) belle, curate, comode; la piscina; la Spa (in legno che guarda alle montagne), gli allevamenti modello di bovine e capre. E poi naturalmente il ristorante, con la sala di pietra (curata alla perfezione dalla moglie Raffaella), il bel giardino e una cucina dove si assaggiano le carni, il risotto e il fantastico capretto.

Gli Attortellati
S.P. 40 - trappola 39
Grosseto
tel. 0564400059
Il nome è già una garanzia: siete nel regno del grande tortello maremmano, fatto sul momento e ben visibile nella lavorazione dalla sala più grande. Ma tutto il menu è una celebrazione della più autentica cucina maremmana, con i salumi, i pecorini, l’agnello e, naturalmente, i vini. Starete bene anche nel giardino che circonda la casa. 

Parco Verde
contrada Spineta
Grumento Nova (Pz)
tel. 097565590
Parco Verde è un luogo dove si fa autentica cultura gastronomica. Sorge nei pressi del Museo nazionale di Archeologia e degli scavi di Grumentum. E’ una bottega dove rifornirsi dei prodotti tipici lucani come i fagioli di Sarconi Igp, il canestrato di Moliterno, i peperoni cruski, il Pezzente della montagna. Ma è anche un luogo di produzione di antiche ricette medioevali, dall’Ippocrasso, un vino speziato, al Miskiglio una pasta preparata secondo una ricetta di fine ‘500. Tutte si possono gustare nel ristorante agrituristico annesso, con stanze dove pernottare.

Collalto
via Collalto, 36
Molvena (Vi)
tel. 042472109
E’ un luogo riposante, panoramico, che è anche base perfetta per visitare la città di Marostica, poco più sotto. L’accoglienza è quella delle case venete d’antàn, con un bicchiere di Vespaiolo frizzante e la soppressa. Poi il pranzo, con un menu che valorizza una razza bovina autoctona come la Rendena da assaggiare accanto agli ortaggi locali (conoscete il broccolo fiolaro?). E’ un agriturismo dove stiamo sempre bene.

Cá di Gosita
loc. Gosita - via Zerli, 57
Ne (Ge)
tel. 0185339298
La Valgraveglia è un luogo da conoscere, immerso tra le vigne e gli ulivi, alle spalle di Genova. Questo è un agriturismo storico che fummo tra i primi a premiare. La cucina è quella della tradizione, ci sono le pentole di terracotta e le antiche ricette, dai testaroli alla torta baciocca fino ai ravioli col tocco e alla cima. C’è un bello spazio fuori dove fermarsi con i bambini. Si sta bene!

Polisena
loc. Riviera - via Cà di Maggio, 333
Pontida (Bg)
tel. 035795841
Veniteci per il panorama che si gode sulla piana di Pontida. Per conoscere un agriturismo modello, anche per il rispetto verso l’ambiente. La cucina è intelligente, delicata. Dagli antipasti dove primeggia la verdura di stagione ai primi con risotti e casoncelli per approdare poi ai secondi dove il piatto da non perdere è il filetto di maialino con riso e scalogno. Intelligente anche la formula del menu, non fisso, ma con prezzo variabile in base al numero di portate scelte. Ci sono anche le stanze dove pernottare.

Pietra Antica O’munti
via andronico s.n.
Puntalazzo (Ct)
tel. 0957824035
La location vale di per sé il viaggio: un antico palmento (struttura un tempo riservata alla pigiatura e conservazione del vino) ristrutturato con cura, con camere e alloggi ampi e luminosi, in posizione panoramica tra Taormina e Acireale. L’accoglienza è cordiale, familiare. La cucina naturalmente affonda le radici nel territorio: verdure dell’orto, sottoli, lasagne con ricotta e polpettine in foglia di limone. E da qui già si respira il profumo del mare.

La Costa
via Curone, 15
Valletta Brianza (Lc)
tel. 0395312218
Ce ne siamo innamorati appena lo abbiamo scoperto. E’ un agriturismo multitasking, dove ogni attività riesce al meglio. È “Quarter Horses”, con l’allevamento di cavalli. È cantina con vini d’eccellenza (sono nostri Top Hundred). Ed è ristorazione, nelle due declinazioni di “Galbusera Nera” e “Scarpata” che propongono, cucina tradizionale classica e di ricerca, tutt’e due nel segno del territorio. Ci sono anche otto splendidi appartamenti per pernottare.

La Tosa
loc. La Tosa
Vigolzone (Pc)
tel. 0523870727
L’abbiamo conosciuta all’inizio per la sua produzione di Gutturnio che premiammo come Top Hundred. Poi abbiamo scoperto l’agriturismo (e questa cantina fu tra le prime a capire l’opportunità di questo servizio). La cucina è una garanzia: le ricette sono della tradizione emiliana, a partire dalle paste fresche ovvero i tortelli De.Co di Vigolzone con paste colorate (verde, bianco, rosso), i pisarei e fasò, gli anolini. Posto ideale per le famiglie con grandi spazi all’aperto.