Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Vino: Assaggi Memorabili di Paolo Massobrio e Marco Gatti

Il Golosario | 13-09-2018

Oggi il debutto del libro che dedica una pagina al giorno al racconto del vino

Da oggi in libreria il nuovo libro di Paolo Massobrio e Marco Gatti dedicato al vino: "Vino, Assaggi Memorabili di quel giorno e di quell’ora” (collana “I Libri del Golosario” di Cairo Editore, pag. 384 - €16,90), dove gli "assaggi memorabili" sono qualcosa che si ricorda a distanza di tempo, l’insorgere di un gusto inconsueto, non omologato, mai uguale agli altri. Quindi una selezione di quei vini che, tra le migliaia assaggiati da Massobrio e Gatti, hanno segnato in modo indimenticabile “quel giorno e quell’ora”, ma anche quel ristorante o quel paese.

Per descriverli gli autori hanno scelto la strada della narrazione, con la scansione dei mesi e dei giorni, giocando, ogni giorno, a consigliarsi a vicenda un vino memorabile: dal 1° gennaio al 31 dicembre. Così il libro si dipana in un ping-pong fra Massobrio e Gatti: una pagina di racconto dove in fondo appare anche “l’altro vino”, una breve citazione evocata dal racconto stesso.

Il risultato è una guida preziosa, che offre la possibilità di scoprire 700 cantine (con molte novità talvolta premiate tra i Top Hundred, il riconoscimento che viene consegnato a Golosaria ai vignaioli che si sono distinti nell’anno), ma anche ristoranti, vinerie, personaggi, che sono luoghi e persone dove il vino è vita, perché nulla come un bicchiere è in grado di narrarla con leggerezza e profondità.

Un libro dedicato “A tutti quelli che, dentro a un vino, a un piatto, a un prodotto, hanno lasciato un segno per ricordarci qualcosa di infinito”.

ilGolosario 2018

DI PAOLO MASSOBRIO

guida alle cose buone d'Italia

ilGolosario negozi

Scarica subito l'APP

TAGS
CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus

Mossi Az. Agr. Vitivinicole

Mossi Az. Agr. Vitivinicole

Mossi 1558 - Storie di vite

Documenti ufficiali attestano che fin dal 1558, in Località Albareto, la famiglia Mossi coltivava uva e produceva vini tipici piacentini. Nel giugno 2014, l’azienda è stata rilevata dalla famiglia Profumo con l’intento di portare avanti la tradizione della cantina, unitamente ad un progressivo rinnovamento delle tecniche e dei processi di produzione, al fine di perfezionare i prodotti esistenti e crearne di nuovi.