Cerca tra 2564 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le 34 tavole memorabili di quest’anno

Paolo Massobrio e Marco Gatti | 03-10-2019

In uscita IlGolosario ristoranti del Gatti&Massobrio

Siamo al "visto si stampi" della nostra V edizione della guida ai ristoranti che quest’anno si chiamerà IlGolosario Ristoranti di Gatti&Massobrio.
Saranno oltre 3.300 i ristoranti segnalati, e con questo crediamo di rappresentare la più approfondita selezione territoriale oggi sul mercato. La filosofia della nostra guida è far risaltare la cucina italiana, quella vera, che ha come riferimento la spesa in cascina e che prosegue un percorso di gusto e creatività, interpretando esattamente il concetto di tradizione. La nostra guida poi mette sul medesimo piano il ristorante gourmet (quello che costa parecchio, per intenderci. E le maglie dei nostri giudizi si fanno più strette, a fronte di una pretesa più alta), accanto alla trattoria, o alla trattoria moderna (che noi chiamiamo di lusso), all’agriturismo, alla pizzeria, al locale polifunzionale che offre da mangiare. Sei categorie dove può accadere di ottenere la corona radiosa, che è il riconoscimento alla perfezione dell’esperienza nel suo complesso. La può avere il ristorante gourmet come l’osteria. E così il faccino radioso, dove almeno tre piatti valgono il viaggio.

Quest’anno le corone radiose saranno 369, mentre i faccini radiosi 674.

E tutti li aspettiamo lunedì 28 ottobre (festa di san Giuda Taddeo), sul palco di Golosaria, insieme ai nuovi ingressi (che figureranno in un elenco che manderemo in loop dal palco) e a quelli che sono citati perché meritano. Anche quest’anno, confrontandoci con i nostri collaboratori, abbiamo poi individuato le tavole che ci hanno molto sorpreso fino all’emozione. Un gioco che riguarda lo 0,1 per cento dei locali citati, con un paio, massimo tre ristoranti per ogni regione.
Fra questi c’è poi la corona rossa, che lo scorso anno andò alla Madernassa di Guarene d’Alba, mentre quest’anno viene calata in Veneto.

MIGLIOR TAVOLA DELLA GUIDA (corona rossa)
SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO (VE) - AL CJASAL
L’avrete letto su questo portale: la sosta da questa famiglia, che ancora non è stata scoperta e valorizzata come merita, è stata folgorante. E c’era tutto ciò che si può desiderare: il calore del locale, l’eleganza, il servizio dei vini a bicchiere, ricercatissimi, fino alla cucina, dove i piatti si potevano ordinare in cichetti, mezze porzioni e porzioni intere. Felicità allo stato puro.

 

MIGLIOR PIZZERIA DELLA GUIDA
VITTUONE (MI) - DELL’ANGOLO
Giuseppe Rizzo, il titolare di questa pizzeria alle porte di Milano ne ha fatta di strada, da quando ha iniziato a frequentare i corsi all’Università della Pizza a Vighizzolo d’Este. E con la farina Petra ha creato una distinzione importante, ma non solo: qui tutto è distinzione, dai vini alle birre, all’acqua, ai dolci. Un prototipo che ci ha convinti.

VALLE D’AOSTA

AVISE (AO) - LO GRAND BAOU
Miglior esperienza della Valle d’Aosta
Anche quest’anno, le notizie che ci sono arrivate dalla sosta in questa casa di montagna sono state commoventi. Un’esperienza unica di quella che è la tradizionale cucina valdostana, creata con i prodotti di prossimità da una famiglia che non solo porta il gusto, ma fa anche cultura.

PIEMONTE

PRIOCCA D'ALBA (CN) - IL CENTRO 
Migliore esperienza del Piemonte
Ci siamo andati tre volte, quest’anno, stupiti della crescita a tutti i livelli. La cucina di Elide è giunta a un vertice, che ci ha sorpreso. Ma anche la sala, curata dal figlio, è stata una gran bella sorpresa. Quest’anno completano l’offerta con un relais. E sono l’esempio più chiaro di come un ristorante sia in grado di valorizzare tutto il paese. C’è poi un fatto che ci ha sorpreso: scoprire che alcuni piatti geniali di Elide vengono copiati, paro paro, da chef importanti, che cucinano a prezzi importanti. Voi scegliete l’originale. Sarete doppiamente felici.

 

INVORIO (NO) - PASCIA
Miglior locale per l’innovazione in Piemonte
Paolo Gatta è fautore di una scelta radicale, che ha fatto discutere. Di solito ha coinvolto più quelli che non hanno provato la sua cucina, rispetto a quelli che ci sono stati. Ha scelto una via naturale, dove trae linfa dall’orto e cucina al momento. Un menu sorprendente, per tecnica e creatività. La miglior esperienza del genere provata quest’anno.



TORINO - CONDIVIDERE
Miglior esperienza a Torino
Anche la cucina di Federico Zanasi, di casa in questa location della Lavazza è stata esaltante, quasi sullo stesso modello del ristorante dell’anno con la corona rossa. Qui l’idea di condividere è messa in pratica, con gli assaggi per tutto il tavolo. Ma assaggi perfetti, da andare giù di testa, che uno vorrebbe tutti per sé. Decisamente grande, per un’esperienza altissima, da ripetere.

 

LIGURIA

NOLI (SV) - IL VESCOVADO
Miglior esperienza del Ponente Ligure
Anche Giuseppe Ricchebuono è cresciuto, da quando gestiva una magica trattoria nella zona delle albicocche di Valeggia. Sontuoso il pranzo di primavera, che ci consegna una delle tavole più intriganti della Liguria, che non hai mai perso i riferimenti con i prodotti del territorio.

CALICE AL CORNOVIGLIO (SP) - INTATTO
Miglior esperienza del Levante Ligure
Questo è un agriturismo pazzesco, dove due giovani cucinano in un ambiente all’aperto, coi bracieri accesi, il loro vino prodotto in poche bottiglie da aperitivo e una cucina sorprendente, di terra e di mare, in un luogo eroico e fiabesco.



SARZANA (SP) - OFFICINE DEL CIBO
Miglior locale per l’innovazione in Liguria
È locale della nostra filosofia! Ha intrapreso una via di distinzione, Giacomo Devoto, giovane e geniale chef patron, affiancato da Giuseppe Messina, maestro della pizza contemporanea, e Michele Barricelli, maitre fuoriclasse. In poco tempo è riuscito a conquistare il pubblico dei golosi di tutte le età, con una cucina ligure d’autore e la pizza, valorizzando orto e spesa dai piccoli produttori. Genio e gola! Da provare!

LOMBARDIA

TRESCORE BALNEARIO (BG) - LORO
Migliore esperienza della Lombardia
Ecco l’esempio dell’imprenditorialità italiana che ci commuove! Pier Antonio Rocchetti e Francesco Longhi avevano iniziato in un piccolo localino, forti solo del loro talento e del bagaglio prestigioso di esperienze. Passo dopo passo son cresciuti e ora eccoli attendervi nel loro relais di grande charme in cui sono oggi, con spazi pensati per dare risposta a tutte le esigenze della clientela, con bistrot, saletta riservata (con chef table, fornelli e griglia, uno spettacolo!), ristorante e sala fumatori con sigari e distillati. A chi ha il gusto nel sangue suggeriamo di provare tutto! È tavola fiabesca!

MILANO - TRE CRISTI
Miglior esperienza a Milano
Franco Aliberti si è accasato in questo locale nella centralissima zona Varesine per dimostrare cosa significa la distinzione qualitativa in una città dove ormai sono arrivati tutti gli chef “importanti”. Ma lui segue la sua strada, con un grande orto alle porte di Milano che è la linfa della sua creatività straordinaria. Ci ha molto colpito il suo ricettario e soprattutto, per il tema che abbiamo scelto quest’anno per Golosaria, crediamo che rappresenti davvero quel Cibo che ci cambia.



VENETO

LONIGO (VI) - LA PECA
Migliore esperienza del Veneto
È la corona perfetta questo ristorante della famiglia Portinari. Lo è per quel menu che ci mette sempre in grande imbarazzo perché uno vorrebbe prendere tutto. Una sosta imperdibile per chi ama la grande cucina italiana.

TRENTINO

MOENA (TN) - MALGA PANNA
Migliore esperienza del Trentino
Nella vecchia malga, dove un tempo si produceva la panna, questa splendida bomboniera di gusto, che non finisce mai di stupirci, con Paolo Donei, che è artista capace di mescolare come in un quadro tutte le suggestioni delle Alpi, prendendo ispirazione (e materia prima) dal bosco, dalla neve, dall’aria. Dalla terrazza ammirando le Dolomiti o al calore del camino, sarà un sogno! Questa è una nostra sosta del cuore!

ALTO ADIGE

TESIMO (BZ) - ZUM LÖWEN
Migliore esperienza dell’Alto Adige
Ci hanno entusiasmato i coniugi Matscher, che per coccolare al meglio i pochi clienti a cui han deciso di dedicarsi, hanno impostato tutto sul contatto con i contadini e i produttori locali per le materie prime, curando invece di persona un orto per procurarsi le erbe che impreziosiscono i piatti. «La tracciabilità e la trasparenza sono fondamentali per il mio lavoro» il credo di Anna, che firma una cucina capace di unire tradizione e fantasia in modo magistrale. 

FRIULI VENEZIA GIULIA

UDINE - IL FOGOLAR LÀ DI MORET
Migliore esperienza del Friuli Venezia Giulia
È stata una sorpresa questa sosta, dove l’umile Stefano Basello ci ha proposto un percorso incredibile di conoscenza. A iniziare dai pani, per finire con il gioco dei dolci. In mezzo una cucina della felicità, davvero innovativa, rispettosa, meditata, con un servizio all’altezza della sua bravura. Sarà famoso.



EMILIA

VALSAMOGGIA (BO) - IRINA
Migliore esperienza dell’Emilia
Ci ha fatto emozionare Irina Steccanella, un passato in cucine del calibro di Massimo Bottura e Niko Romito, che invece di aver fatto l’ennesimo ristorante a caccia di flash, ha aperto e guida una trattoria vera, la sua trattoria, in piazza a Savigno, dove in tavola non trovate quelle creazioni che solo per decifrare il piatto è necessario l’interprete, ma i classici della cucina tradizionale, solo, realizzati in modo magistrale, da andare giù di testa! Irina è grande!

 

ROMAGNA

RIMINI - QUARTOPIANO SUITE RESTAURANT
Migliore esperienza della Romagna
Una delle soste più intriganti della Riviera Romagnola. Intanto per la piacevolissima terrazza, già sede del Centro Congressi SGR, quindi per la cucina radiosissima di Silver Succi e per il servizio attento e professionale del bravo Fabrizio Timpanaro. Un plus la carta dei vini, che vanta una teoria di scoperte davvero eccezionali.

TOSCANA

FIRENZE - ORA D’ARIA
Miglior esperienza a Firenze
Tradizione e innovazione si incontrano nei piatti di Marco Stabile, chef che spazia tra terra e mare ispirandosi alle ricette classiche ma con interessanti guizzi di contemporaneità. Il locale è rilassante e luminoso, il servizio impeccabile. Si beve molto bene, potendo scegliere anche da una buona selezione di birre artigianali.

MARINA DI BIBBONA (LI) - LA PINETA
Miglior esperienza della Toscana
Chi conosce questo tempio della cucina si chiederà come procede dopo la morte del grande Luciano Zazzeri. La riposta del nostro collaboratore è questa: "Sono stato già due volte dopo la scomparsa di Luciano e devo dire che non è cambiato niente. Stessa simpatica verve in sala e conferma assoluta della cucina. Corona confermata". E allora venite senza indugio In questa  “baracca” adagiata su palafitte e incastonata come in una cartolina tra il mare e la pineta di Marina di Bibbona, I figli Andrea e Daniele Zazzeri portano avanti con grande responsabilità l’eredità lasciata dal padre, confermando una cucina di gusto e livello assoluti, accompagnata da una cantina da intenditori e da un servizio inappuntabile. Grandi!

MARCHE

SENIGALLIA (AN) - MADONNINA DEL PESCATORE
Migliore esperienza delle Marche
Tre visite di tre ispettori diversi, nel locale madre di Moreno Cedroni. E tutti col risultato di una cucina sorprendente, che fa continua ricerca. Una cucina di mare con tocchi di innovazione che ci dicono: vale il viaggio. 

UMBRIA

BASCHI (TR) - TRIPPINI
Questa famiglia ha scalato i vertici della piena soddisfazione e la prova di quest’anno è stata una folgorazione. È la corona che offre il miglior rapporto qualità/prezzo.

MONTEFALCO (PG) RE TARTÙ
Un locale che sarà famoso, dove c’è una selezione di vini da sogno e una cucina felice condotta con la mano sicura di Andrea Funghi. Qui il tartufo va a condire le ghiotte preparazioni umbre, accanto ai vini di Montefalco. Una vera goduria.



LAZIO

ROMA - OSTERIA FERNANDA
Migliore esperienza a Roma
Crescita anche per Davide Del Duca, che a detta di molti è oggi la miglior sosta di Roma, per innovazione e tecnica di cucina. Da divertimento puro la selezione dei vini a bicchiere.

 

FIUMICINO (RM) - OSTERIA DELL’OROLOGIO
Miglior esperienza del Lazio
Non sarà la tavola più blasonata, né la più mediatica. E non è sicuramente la più instagrammata, tanto che dell'osteria vera e propria ha forse solo gli spazi ristretti. Ma questo è forse il ristorante che più di ogni altro ha colto lo spirito di questi ultimi tempi. Tempi di transizione, in cui ci si interroga: tradizione o innovazione? Crudo o cotto? Trattoria, ristorante gastronomico o bistrot? Solo due punti fermi: il mare, che è qui di fronte, e la consapevolezza che quando hai una grande materia prima devi lavorarla in sottrazione, senza barocchismi inutili.

ABRUZZO

ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE) - D.ONE
Migliore esperienza dell’Abruzzo
Solenne la cena da Davide Pezzuto, ambientata nel suo locale elegante, con una proposta originale, anche qui con una creatività giocata sulle ricette di questa terra, ricche di gusto. Un gusto che rimane intatto, anche se alleggerito in alcuni casi. Per i vini fatevi guidare, perché la selezione che abbiamo trovato qui è stata unica.

 

CAMPANIA

VICO EQUENSE (NA) - IL BIKINI
Il Bikini  rappresenta la capacità di innovare la tradizione portandola verso nuove frontiere, senza paura, andando a pescare fino in Giappone una chef, Fumiko Sakai, capace di traghettare la cucina del ristorante in questo percorso dall'esito non scontato. Il Bikini rappresenta quell'Italia e quel Meridione che non si vuole accontentare di offrire un paesaggio mozzafiato, ma che vuole sorprendere con la propria creatività e capacità di ospitare e di sorprendere valorizzando al massimo tutto quello che la storia e il territorio sono capaci di offrire.

 

BATTIPAGLIA (SA) - 3 VOGLIE
Il locale è bello nella sua semplicità: qui tutto gira intorno al forno a legna da dove escono poche pizze ma eseguite alla perfezione: sono 8 in carta che variano a seconda del mercato. La carta dei vini e delle birre è di tutto rispetto.



PUGLIA

ANDRIA - ANTICHI SAPORI DI PIETRO ZITO
Migliore esperienza della Puglia
Il nostro collaboratore scrive “esperienza eccezionale”. Ed è sempre così ogni volta che si viene da Pietro Zito, capace di combinare alla perfezione tradizione e stagionalità. In tavola formaggi, erbe spontanee, grano arso, oltre alle verdure raccolte direttamente nell’orto adiacente il locale. Unica pecca: bisogna prenotare con anticipo. 



BARI - CORTIGIANO
Miglior esperienza a Bari
Un locale polifunzionale, che ti sorprende per la straordinaria selezione dei vini e per l’offerta che va avanti dal mattino alla sera. Pizze, ma anche piatti eccellenti, per lasciare un segno memorabile. Un gran bel lavoro firmato famiglia Cortigiano.

BASILICATA

MATERA - L’ABBONDANZA LUCANA
Miglior esperienza della Basilicata
Provare la cucina di Francesco Abbondanza è un’esperienza che rimette in pace con il mondo. Nel suo locale, decisamente elegante, propone un menu avvincente tanto per tecnica quanto per ingredienti. E anche la cantina è notevole.



CALABRIA

MARINA DI GIOIOSA JONICA (RC) - GAMBERO ROSSO
Miglior esperienza della Calabria
Fondato nel 1977 da Giuseppe Sculli e la moglie Anna Maria, questo ristorante è ora in mano ai figli Francesco e Riccardo. La proposta rimane ancorata agli ingredienti e alle tradizioni territoriali, ma la ricerca è continua, le presentazioni curatissime e gli abbinamenti non privi di creatività. Da corona, anche per ambiente, cantina e servizio.

SICILIA

PORTOPALO DI CAPO PASSERO (SR) - VIDI
Miglior esperienza della Sicilia
Siete in un castello con vista mozzafiato su quelle che erano le tonnare. La location è quanto di più bello possiate immaginare, ma anche la cucina di Roberto Pirelli è una conferma. Servizio curato dalla moglie Paola Tosi, vi sorprenderà persino al colazione al mattino. Spaziale.



PALERMO  - CASTELLO A MARE
Miglior esperienza a Palermo
Per gli amici di Palermo, quella di Natale Giunta è la miglior tavola della città. Stranamente non valorizzato dalle altre guide, il locale di Natale è qualcosa di sontuoso e di geniale nelle sue interpretazioni.

SARDEGNA

SANT'ANTIOCO (SU) - DA ACHILLE - HOTEL MODERNO
Miglior esperienza della Sardegna
All’interno dell’hotel Moderno di Sant’Antioco, in una sala da pranzo sormontata da una grande volta in legno, Achille Pinna firma una cucina gourmet di mare e terra, accompagnata da un servizio molto professionale e da una cantina da intenditori. E’ uno degli interpreti migliori della Sardegna.

ilGolosario 2019

DI PAOLO MASSOBRIO

guida alle cose buone d'Italia

ilGolosario negozi

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn