Un'antica dimora dove gustare i piatti dello chef Vincenzo Russo: un intreccio di sapori mai banali, presentati in modo ricercato

In uno dei borghi più belli d'Italia sorge Villa Lattanzi, un'antica dimora a Torre delle Palme, a pochi chilometri da Fermo, nelle Marche. Si affaccia sul Mar Adriatico ed è immersa nel bosco del Cugnolo, una riserva naturale che ospita querce e ulivi secolari. 

Nei 65mila metri quadri di parco nasce l'omonimo ristorante che ha come mission quella di “connettere”: le persone con il cibo, gli ingredienti tra di loro per un intreccio tra piatti e sapori della tradizione popolare reintepretati dalla mano dello chef campano Vincenzo Russo, un giovane con la passione per gli abbinamenti ricercati e mai scontati, con un presente radioso e un curriculum che conta esperienze importanti come quella a Villa Crespi dello chef stellato Antonino Cannavacciuolo.

Nella nostra visita in questo posto incantevole abbiamo optato per l'assaggio del menu degustazione a cura dello chef Russo “E il naufragar m'è dolce in questo mare”. Ci ha lasciato a bocca aperta per gli abbinamenti presentati, il gusto di ogni piatto e le presentazioni, raffinate e ricercate.
villa-lattanzi-antipasto.jpgAbbiamo iniziato con una cruditè di gambero rosso di mazara, la sua guancia fritta e la sua maionese, gel al bergamotto, salsa al prezzemolo e aceto di riso affumicato.
Un piatto che ci ha colpiti particolarmente è stato il “Dedica a Porto San Giorgio”: ravioli di pasta fresca ripieni di polpo, salsa ai ricci di mare, nero di seppia, frutti di mare, maionese all'aglio, chips di alga e riduzione di brodetto. Di questa portata abbiamo apprezzato l'equilibrio tra i sapori, il riguardo per gli elementi del territorio, lontano da quello dello chef, ma trattati con empatia e rispetto.

Anche il pizzotto di scarola ci ha lasciato esterrefatti: un risotto con crema di scarola affumicata, emulsione di pinoli, salsa di acciuga, crumble di olive e una croccante cialda di pane a completare il tutto.
villa-lattanzi-risotto.jpgPassando ai secondi abbiamo gradito molto la variazione di rombo (costoletta di rombo grigliata, filetto e crosta al limone, salsiccia di rombo in foglia di bieta e base caramello al limone ed emulsione di rombo) e la sogliola con zucchina, fiori di zucca e bulgur.
villa-lattanzi-bocconcini_verdi.jpgA rendere piacevole ogni pietanza ha concorso anche l'abbinamento con una Passerina Leiè della cantina Officina del Sole.
Per concludere in dolcezza perfetto è stato il gelato alla nocciola con crumble nero e spugna al pistacchio.
villa-lattanzi.jpgIn un bosco lussureggiante e a 2 passi dal mare per un'esperienza indimenticabile fatta di rispetto per il territorio e connessione di sapori: questo è stato per noi la sosta a Villa Lattanzi, impreziosito dal servizio accogliente, preparato e sorridente. Chapeau!
villa-lattanzi-dolci.jpg

Villa Lattanzi

Contrada Cugnolo, 24
Torre di Palme (FM)
tel. 0734 53711

Foto apertura: Facebook Villa Lattanzi
Altre foto: ilGolosario