Su La Stampa di oggi la storia delle sorelle Michiel, che a Bassano del Grappa hanno puntato sui vini cari anche a Palladio

Su La Stampa di oggi Paolo Massobrio racconta la storia di cinque donne volitive, le sorelle Carla, Giovanna, Anna, Maruzza e Isabella Bianchi Michiel, cui è legato il nome di Villa Angarano, non soltanto una residenza Palladiana riconosciuta come patrimonio dell’Umanità, ma anche una cantina, che su 8 ettari di vigneti intorno a Bassano regala vini solenni. A partire dal Breganze Torcolato Riserva “San Biagio”, da uve vespaio in purezza, e passando per lo Chardonnay “Cà Michiel” e il Cabernet Sauvignon “Quare di Angarano” 2008. Dai vigneti più prossimi alla residenza nascono invece il Breganze “Angarano Rosso” e il “Five Sisters”. Un’ultima curiosità: dalla vendemmia di quest’anno, l’intera produzione sarà certificata biologica. Chapeau!