Per la ricetta della sera una tartare ottenuta da un taglio particolare di carne, proposta da Donato Turba

Se c’è una famiglia che è nel cuore del popolo di Golosaria, questa è la famiglia Turba, con papà Donato che è l’erede di una dinastia che dal 1919 esercita l’arte della macelleria con talento formidabile, e che ora, oltre al negozio storico in Melzo, con la moglie Paola ed i figli Daniele e Valentina conduce con successo anche il Ristorante Antica Macelleria Turba, dove ha luogo anche un’altra sua geniale creazione, la “Carneteca”, una sorta di “Università delle carni”, proprio sopra alla sala da pranzo.
Per i lettori de IlGolosario.it oggi Donato Turba prepara la sua tartare, tra i cui segreti c’è l’utilizzo di un taglio particolare di carne.
donato-turba.jpgCon questa sua specialità abbiniamo il Ravenna Famoso 2018 della Cantina di Ancarani di Faenza dai profumi fruttati di mela verde e pera, dalle note floreali di tiglio, biancospino e gelsomino, dal gusto fresco e di equilibrata sapidità.