In una location suggestiva il pescato fresco del litorale vastese, in piatti tradizionali, ma anche con interessanti spunti creativi

La cornice de La Vòtta di Mare è di quelle da togliere il fiato: sarete infatti a pochi passi dal maestoso Palazzo D’Avalos, lungo il Belvedere di Vasto con l’orizzonte che spazia senza fine sul “Golfo d’Oro” di Marina di Vasto, fino alla Costa dei Trabocchi e alla riserva naturale di Punta Aderci. E avrete la possibilità di godervi questo spettacolo magnifico in assoluto relax, accomodandovi nel dehors esterno protetto anche dal sole cocente di questi giorni da ampi ombrelloni.
votta-esterno.jpgPatron, il giovane e bravo Alessio Salvatorelli con la madre Beatrice (chef), proprietari di altri due locali di Vasto: la più antica trattoria della cittadina, Zì Albina Brodetteria, che ha sede nelle vie del centro storico e che venne fondata nel 1907 - qui si va per il superlativo brodetto vastese -; e poi un nuovo locale d’atmosfera, Il Riccio, a dimora anch'esso sul belvedere, ideale per aperitivi, cene e dopocena con protagoniste le cruditè di pesce.
votta-titolare.jpgMa torniamo al Vòtta di Mare: all’interno, un’unica saletta molto raccolta, con un bel bianco candido a caratterizzare muri, tavolini e sedie di legno. Fotografie ingiallite dal tempo, qualche stampa di imbarcazioni storiche ed elementi di arredo marinaresco contribuiscono a caratterizzare ancora di più l’ambiente.

Tema portante del menu, il pescato fresco del litorale vastese declinato tra i fornelli in modo tradizionale ma anche con interessanti spunti creativi. Il giovane staff ai tavoli sarà premuroso e cordiale. Abbiamo dato il via con una delicata parmigiana di pesce (€ 12)
votta-parmigiana pesce.jpge a seguire saporiti calamari freschi ripieni di ventricina (€ 12). Un matrimonio gustoso ed equilibrato tra mare e monti.
votta-calamari ripieni.jpgIn alternativa, polpette di ricciola impanate e fritte su cipolla rossa caramellata (€ 10), oppure Scapece alla Vastese con pesce fritto marinato in aceto e zafferano. C’è anche la proposta di cruditè con il pescato del giorno.
Tra i primi, eccezionali i ravioli di burrata con scampi e pomodorini (€ 16), davvero delicati ed equilibrati, al pari dello spaghetto fresco “Le chicche di Menna” con vongole del litorale abruzzese (€ 14).
votta-ravioli.jpgQuindi un must che ha scritto la storia culinaria del borgo, ovvero il Brodetto alla Vastese (€ 40), la celebre zuppa rossa locale con pesce fresco dell’Adriatico, cotta e servita nello storico tegame di terracotta. Ci sono poi la tradizionale frittura di calamari (€ 16), una gustosa pescatrice al forno (€ 25) oppure il tegamino di scampi e cicoria (€ 25).
votta-dolce.jpgCarta dei vini corretta ed essenziale con le principali referenze di bianchi, rosati, bollicine e rossi delle cantine top abruzzesi. Locale che merita il biglietto per una cucina corretta e senza fronzoli e per una location suggestiva che non teme rivali, sia di giorno che di sera.
Viva Vasto!

La Vòtta di Mare

Vasto (Ch)
piazza San Pietro 1/3
tel. 0873 367478